06 aprile 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

27.02.2020

Pasqua rinviata a giugno
per decreto del governo?

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Il nostro parroco, don Addolorato - scrive la Olga - è preoccupato. Teme che per il coronavirus gli rinviino la Pasqua a data da destinarsi, forse in giugno. In assenza della perpetua, che ha spedito a casa a fare lo smart working, come hanno deciso molte aziende in attesa che finisca il contagio, l'ho trovato mentre spazzava il sagrato con la ramazza. «No védela - mi ha detto - che i sta rinviando tuto: a Milàn è saltà el Salón del mobile e quel del vin, el Vinitaly l’è sta confermà in april ma non se sa mai, la festa de la renga l'è sta spostà otimisticamente a l'otto de marso. E alora no me maraveiarìa che anca la Settimana Santa, par decreto de quei quatro squinternà che gh'è al governo, la slitàsse a dopo Pentecoste incasinando el calendario liturgico. A meno che no ariva l'ordine de celebràr la Pasqua a porte chiuse, mi e el curato». Ho detto a don Addolorato che la sua preoccupazione è quella di tutti i fedeli. «No so se la sia propio la preocupassión de tuti - mi ha risposto - parché co' na Pasqua estiva la gente, invese de passàr Pasquéta sui prà a magnàr i ovi, la le passarìa più volentieri a brustolàrse al mar». Al parroco era appena saltata anche la messa del mercoledì delle Ceneri. «A le quatro veciòte che le m'à sonà el campanèl parché la césa l'era serà, come del resto tute le altre cése, g'ò dito de ràngiarse a casa. "Fazì un foghéto, spetè che la sénar la sia freda se no ve brusè el sarvèl e dopo ve la butè in testa" g'ò dito». In chiesa c'era appena stato un funerale a porte chiuse. «La disposissión de quei malcunà che ne governa - mi ha detto don Addolorato - l'è che ai funerài pol partecipàr solo i parenti streti. Mi me son messo su la porta e a ogni uno ch'el voléa entràr de drio al morto g'ò domandà: "Lu èlo un parente streto?". Ghe l'ò domandà anca a uno che, a védarlo, no'l podéa èssar streto parché l'era du quintài. A la fine ò dovù far entràr tuti. El morto el g'avéa setantadù fradèi, oto vedove e quarantatrì cusìni». Ho convenuto che molti dei provvedimenti per limitare il contagio sono ridicoli. «Mi quei che i s'à inventà 'ste robe i mandarìa a sapàr - mi ha risposto - G'ò zà smenà un par de sentenàr de euro in elemosine e sensa schei i lumìni iè tuti smorsà». •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1