18 settembre 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

15.09.2020

«Nicholas, le patatine!»
E la Giacinta ha pianto

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Come aveva detto, - scrive la Olga - la Giacinta ha portato a scuola el neodìn Nicholas sul stangón della bicicletta del papà del buteléto e poi è andata a riprenderlo. Prima di partire da casa gli ha misurato la féara col telelaser, come dice lei, intendendo con questo il termometro digitale a pistola. Nicholas cui la nonna era solita misurare la temperatura per via rettale col vecchio termometro a colonnina, vedendo la pistola, si è spaventato ma è stato subito rassicurato che il telelaser non era invasivo e che veniva solo puntato alla fronte. Come mi racconta la Giacinta, el neodìn era contento di viaggiare sul stangón e cantava una canzone del suo rapper preferito. Sulla ciclabile il traffico era sostenuto ma scorrevole e a un certo punto c'è stata anche una gara tra nonne coi neodìni sul stangón. Davanti alla scuola c'era un po' di casino perché molte mamme che non avevano accolto l'invito delle autorità a usare autobus o bicicletta, non riuscivano a parcheggiare il fuoristrada e protestavano attaccandosi al clacson e urlando improperi dal finestrino. Piccoli e grandi erano tutti mascherati. Nicholas era orgoglioso della sua mascherina nera col teschio dei pirati, regalo della nonna per il primo giorno di scuola. Il tanto temuto imbugamento del traffico non c'è stato grazie alle nonne come la Giacinta. Una bisnonna che portava sul stangón la nipotina, è stata multata per eccesso di velocità. Forse il giorno meno adatto per rifare le strisce pedonali in via Giardino Giusti era quello della ripresa della scuola ma lo dico solo per eccesso di pignoleria, non certo per fare polemica su una svista che ci sta, con tutto quello cui devono pensare sindaco e assessori in questi giorni. «Me son emosionà - mi racconta la Giacinta - nel védar el me Nicholas in fila coi altri buteléti e le buteléte davanti al portón de la scóla. Ogni tanto el se óltava indrio a guardar so nona. "Tratiènte, Giacinta" me diséa tra de mi tirandome su la mascarina per sugàrme i lagrimòti "el va solo a scóla. A un certo punto me sono ricordà che no g'avéa messo nel zàino le patatine par la ricreassión. "Nicholas, le patatine!" gò sigà ma l'era tardi. No te pol savér, Olga, come me son sentìa rénto in quel momento». •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1