26 febbraio 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

14.02.2020

Ma Verona non c’è
tra le città dell’amore

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Nella classifica delle prime dieci città dell'amore, stilata da un settimanale italiano - scrive la Olga - Verona non c'è. Orco can, i s'à desmentegà! Ci sono Praga, Firenze, Venezia, Parigi, Kyoto, Buenos Aires, perfino Marrakech, ma Verona è rimasta fuori. Il mio Gino dice che deve esserci uno sbaglio perché noi abbiamo Giulietta e Romeo mentre gli altri non ce l'hanno. Sì, dico io e, per di più, in occasione della festa di San Valentino, noi mettiamo una coppia di innamorati nel letto di Giulietta e abbiamo il bacio collettivo in Cortile Mercato Vecchio e, se questo non bastasse, c'è anche la Maratona intitolata ai due amanti scespiriani. Ma, dico io, come si fa a non sapere certe cose? «Mancansa de comunicassión - dice il mio Gino - no sémo boni de far propaganda a le nostre robe o magari la fémo a la va te ciàva. Mi no credo gnanca che i foresti i sàpia che Sèspir l'è nato a Avesa e che l'à scrito la storia de Giulieta e Romeo sentà su un scalìn de l'Arena». «Tasi che te si ignorante come 'na sapa» gli dico e telefono alla Elide. «Sèto che...?». «Lo so - mi risponde - e son qua che me rósego rénto parché, che mi sàpia, la Casa de Giulieta ghe l'émo solo noaltri. A Parigi i g'à el gòbo de Notre Dam, a Marachès i g'à i camèi, a Buenos Aires i g'à Maradona, a Venèssia i g'à l'acqua alta, a Firense i g'à l'Arno d'argento che però l'è colór cafelate, a Praga i g'à el prosiùto infumegà e a Kyoto cosa g'ài?». Le rispondo che non lo so. «Eco, no te lo se gnanca ti - mi fa la Elide - ma nessuna cità al mondo la ispira amór come la nostra. E alora gh'è un difèto de comunicassión». Le dico che su questo punto la pensa come il mio Gino. «E dìselo anca che a Marachés gh'è i camèi?». Le rispondo che né io né il mio Gino sappiamo dove sia Marachés ma che sicuramente gli innamorati preferiscono baciarsi davanti alla statua di Giulietta piuttosto che davanti a un camèl. Penso allo sconforto dei nostri amministratori che, mettendo una russa e un marocchino nel letto di Giulietta, credevano di acquisire il merito di aver rafforzato il mito di Verona città dell'amore al quale vi vedono invece preferire perfino un gobbo, i cammelli e il prosciutto affumicato. •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1