23 settembre 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

10.09.2019

Le strade le fa pietà
ma lori i pensa alla Cina

La Posta della Olga
La Posta della Olga

La Elide - scrive la Olga - liquida con un'alzata di spalle la missione in Cina felicemente conclusa da una delegazione di nostri amministratori. «Séto cosa me ne frega de la Cina?» mi dice mentre stiamo cercando le strisce pedonali per attraversare una strada molto trafficata. Apparentemente le strisce non ci sono ma da qualche parte ci devono pur essere. Entriamo in un bar e chiediamo alla signorina al banco. «Savaréssela par piasér dirne...?». E la signorina, molto gentile, ci risponde che le strisce sono proprio lì davanti. «Iè smarìe, bisogna cuciàrse par védarle - ci dice - ma le gh'è. Ste' atènte però ai marciapiè che iè pieni de buse». «Invese de pensàr a la Cina - brontola la Elide - el sindaco el dovarìa far ripituràr le strissie e stupàr le buse». Le rispondo che ci sono cose più importanti delle zebre e de le buse. «E cosa ghe sarìa de più importante de la sicuressa de ci camina par strada?» mi fa la Elide. «Ma come! Possibile che no te capìssi che 'sti nostri aministradóri i g'à 'na visión internassionàl?» le rispondo e le spiego che 'sti qua i pensa in maiuscolo. Iè tornà da la Cina co' 'na scaretà de promesse, ansi, più che promesse iè robe scrite nero su bianco». La Elide mostra ancora di non capire. «Sì ma par le strìssie ocorarìa métar bianco su nero» infatti mi dice. «Próa a pensàr in maiuscolo anca ti, 'na bona òlta - le dico -. Grassie ai acòrdi che l'à firmà Sboarina, adesso tuti i cinesi i vegnarà a sposarse a la Casa de Giulieta e i andarà in vacansa sul lago de Garda». «Sèto che casìn? Quanti èi, un miliardo?» mi fa la Elide. «E róti» le dico e aggiungo: «Ma no l'è mia finìa. Ghe sarà anca el volo dirèto Verona-Hangzhou, che l'è la cità cinese gemelada, e in più l'assessór Polato, che el fazéa parte de la delegassión, su la via del ritorno el s'à fermà a Dubai dove l'à butà le basi par dei scambi comerciali: noaltri ghe démo ai arabi el marmo e lori in cambio i ne dà camèi». Vedo che la Elide rimane molto perplessa. «Cosa ghe ne fémo dei camèi?» infatti mi domanda. «I metarémo al posto de le zebre - le rispondo -. Iè più grandi, i se vede de più e l'è più dificile che i se scancèla». La Elide la scórla la testa. «Camèi co' le gòbe?». «Sì, così i fa anca da dissuasori par le machine che córe massa».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1