21 settembre 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

10.08.2020

Le ansie della
Cesira per il
nipote che va al mare

La Posta della Olga
La Posta della Olga

La Cesira - scrive la Olga - è preoccupata perché il nipote sta partendo per il mare con un gruppetto di amici. «Quanti ani gàlo?» le chiedo. «Disdòto». «E ghèto paura ch'el se perda?». «No, ma a savérlo in giro de 'sti tempi, col bào, col virus vói dir, no l'è che sia massa contenta». Le dico che i butelòti, bào o no bào, hanno bisogno di fare la loro vita e che no se pól tegnérli ligà a 'na gamba della tòla. «Me son racomandà tanto che el sia prudente, che no'l faga stupidade - mi fa la Cesira - ma cosa vuto mai, l'è un butelòto, come te disi ti. Un virologo, uno dei tanti, l'à dito che se no se è conviventi no se pól andàr al mar ne la stessa machina. "Sìo in sinque? Andèghe con sinque machine" mi gò dito alora a me neódo. «E cosa t'alo risposto?». «El m'à risposto che i tièn tuti la testa fora dal finestrìn, ma ti ghe crédito?». «El gà del spirito, el butelòto» dico io. «Si, ma so nona no l'è mia nata ieri. E quando iè al mar i conósse de le butelòte e se sa come le va 'ste robe: i se sbasóna, i se strucòna, i se sguìndola, i se sfregóna, i se taca el spuàcio, i se scriòltola... Insoma, cissà 'sa el ne porta a casa, 'sto benedeto fiól». Le chiedo se anche lei da giovane si scrioltolava. «Iéra altri tempi - mi risponde - La prima òlta che son andà al mar l'è sta col me pòro Tano ma no me par de aver visto in giro tanti sbasonaménti. No gh'éra gnanca le discotéche, ognuno al balava par conto suo, al massimo in copia, come mi e el me Tano che balàimo el tango soto la pergola de 'na balèra, e pó no gh'era mia el bào che girava». La Cesira mi racconta che il virologo ha raccomandato che bisogna stare attenti agli asintomatici e che lei lo ha detto a suo nipote il quale però l'ha mandata a quel paese. «D'altra parte - dico alla Cesira - se uno no'l gà la féara, no'l stranùsa e no'l gà la sbòssega, come fèto a savér ch'el porta el virus come el Brusalìtri del bareto el porta el vin sensa mai imbriagàrse?». «'Sto bào l'è 'na maledissión - mi fa lei - ma ghe sarà pur un posto al mondo dove no'l gh'è». «Nel Bhutan, soto l'Imalàia, ma l'è distante assè e no gh'è el mar - le rispondo - Quando el me Gino, dopo averlo lèto da qualche parte, el me l'à dito, ò pensà a una de le so solite bhutanàde, ma staòlta el me l'à contà giusta». •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1