26 maggio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

16.05.2019

La Dora con la tessera gialla
se vergogna de essar pitòca

La Posta della Olga
La Posta della Olga

El Nane Bruseghìn - scrive la Olga - è uno dei pochi che va a fare spesa al supermercato con la tessera gialla del reddito di cittadinanza. «Ciàpo dosénto euro - mi dice - ma l'è sempre meio de gnente». La Dora, invece, si vergogna a far vedere che è povera e coi pochi schei del sussidio (anche lei prende molto meno di quello che si aspettava) paga la bolletta della luce. El Gigio Bagolìn è uno dei tanti veneti che ha restituito la tessera. «El Di Maio - mi dice el Bagolìn - el n'à tolto par el cul tuti. Mi ciàpo vinti euro. Se figùrela se, in cambio de 'sta miseria, me méto a disposissión del Comune par i laóri socialmente utili?». «Ma lu - gli dico - el g'avarà l'Isee alto». «Ò fato le analisi e ghe l'ò a posto - mi risponde - pitòsto g'ò alto el colesterolo e el dotór el m'à proibìo i codeghini». Il mio Gino mi dice che anche al bareto sono tutti scontenti del reddito di cittadinanza che nelle promesse elettorali di Di Maio avrebbe dovuto essere di 780 euro. L'unico che lo prende per intero è il napoletàn Ciro che però non ha nessuna voglia di affidarsi a un navigator (che per ora non c'è perché il bando è uscito nemmeno un mese fa) per trovare lavoro visto che ne ha uno in nero e in più fa il bagarino. «Ti ghe l'èto la tessera?» mi fa la Dora, quella che si vergogna a far vedere che è pitoca. «Ghe n'ò de tessere - le dico - g'ò la tessera de sinque o sié supermercati che dopo un tot de spesa i te dà in regàl le chìcare, g'ò la tessera del club de le cóe mòle, g'ò quela de l'autobus». «No - mi fa la Dora - intendo la tessera del redito de citadinànsa». Le rispondo che non ce l'ho perché tra la pensione mia e quella del mio Gino tiriamo avanti. La capisco, pòra Dora: sta cercando qualcuno che ammetta apertamente di essere pitòco come lei per andarci magari insieme al supermercato, mostrando così di non essere la sola ad avere la tessera gialla. «E ti ghe l'èto?» le chiedo. «No che no ghe l'ò - mi risponde - ma me piasarìa savér ci ghe l'à». «El Nane Bruseghìn - le rispondo - Magari se ghe fusse 'na me amìga che la g'à vergogna de èssar pitòca ghe dirìa de andàr a far la spesa col Nane». «Ci èlo?» mi chiede. «L'è....». «Làssa star - mi dice - no me interessa».

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1