28 maggio 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

02.04.2020

La Bianca piange sui óvi
Il governo scorda le galline

La Posta della Olga
La Posta della Olga

La Bianca, la moglie del Vacamòra - scrive la Olga - continua a telefonarmi per dirmi che le sue galline stanno facendo uova in quantità industriale e che, non andando nessuno a comprargliele a causa delle restrizioni agli spostamenti imposte dalle misure di contenimento del coronavirus, non sa cosa farne oltre che a continuare a mangiare fritaióni lei e la sua famiglia. Mi dice che se magari io e il mio Gino potessimo andare a trovarla in campagna, ce ne riempirebbe la macchina. «G'avìo la stèssion végon?» mi chiede - Parché alora ghe ne starìa rénto un casìn e ve le darìa a gratis». Le rispondo che abbiamo una Ritmo del '78 e che, comunque, come non si muovono gli altri, non possiamo muoverci neanche noi. «L'è un pecà - mi dice - che al governo, savéndo che i contadini come noaltri de 'sti tempi no i pol vèndar i óvi, no ghe sia vegnù in mente anca de cuzìrghe el cul a le galine che, come tuti i sa, soto Pasqua le ghe ne fa un caréto». Le dico che, non potendo né venderli né regalarli, li potrebbe far covare in modo da avere tanti pulcini e ingrandire così l'allevamento. «Còarli? - mi risponde - No ghémo bastànsa ciòche. Ghe i fago coàr anca a me marì e a me suocera, iè tuto el giorno cucià nel puinàr che i le cóa, ma no l'è che gh'émo tanti culi in casa. Par esempio, i me fiói, el Bifo e l'Olco, no i vol savèrghene. La sa come iè fati i fiói. Par carità, dei me fiói non posso dir gnente. I laóra nei campi sensa risparmiàrse. E pò i tàca a zugatolàr col computer. E mi ghe digo de portàrse el computer nel puinàr così fin che i zugàtola i pol anca coàr, ma da 'sta récia no i ghe sente. Alora éla e el so Gino no podì mia vegnér». Le ripeto che ci andremmo volentieri se non ci fosse il contagio. «E così fazì Pasqua e Pasquéta sensa ovi» mi fa la Bianca. Le rispondo che li troviamo nei supermercati dove è permesso andare. «Sì, ma volla métar i nostri ovi? Qualche volta me marì el fa anca el gal. El le fazéa anca so pare e anca so nono. El canta anca come un gal. Me piasarìa che la le sentesse qualche òlta. Volla che gh'el ciàma al telefono? "Vacamòra vièn a fàrghe el gal a la Olga". Lo sento ostiare in lontananza. «La làssa star, Bianca, sarà par 'n'altra òlta». •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1