21 aprile 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

10.04.2019

L’importanza del Vinitaly
nel tema in classe di Nicolas

La Posta della Olga
La Posta della Olga

A Nicolas, el neodìn della Giacinta - scrive la Olga - hanno dato un tema in classe dal titolo "Il Vinitaly è una grande manifestazione che fa conoscere la tua città nel mondo. Esprimi le tue considerazioni". Svolgimento: «Il Vinitaly è importante perché tutti vanno a bere il vino ma io preferisco la Fiera dei cavalli perché mio papà mi dice che il vino non posso berlo ma neanche guardarlo mentre i cavalli li posso guardare anche se non si possono bere. Quando vedo mio papà che beve il vino mi viene voglia anche a me ma una volta che ne ho bevuto un sgorlone di nascosto dalla bottiglia, mia mamma mi ha dato un scufioto perché avevo il fiato che spuzzava. Io al Vinitaly non ci sono andato ma ci è andato mio papà insieme alla zia Romilde,e sono venuti a casa che cantavano e fischiavano. Mia zia fischia come i merli e mio papà quando andava a caccia la portava con lui nel rocolo perché gli faceva schioppettare tanti uccelli anche diversi dai merli. Una volta, senza che lo sapesse mio papà, mia zia è andata nel rocolo di notte con uno dei suoi morosi che però non aveva il fucile e lei mi ha detto che sono andati a sentire le civette. Grazie al Vinitaly, la mia città è conosciuta anche in Cina e al Polo Nord dove col vino fanno i ghiaccioli. Mio papà ha detto che ha visto tanti politici ma anche attori e cantanti che hanno bevuto a gratis e hanno dato i tappi in beneficenza, che però è un bel gesto che dovrebbe essere di esempio specie adesso che Salvini ferma le barche dei profughi. A me i politici non piacciono perché, come dice mio papà, sono tutti una ghenga e smorza la televisione quando li vede, però al Vinitaly magari avrei potuto incontrare il mio compagno di calcio Kevin che ha un papà moderno che gli fa bere il vino e per questo fa tanti gol. A mio papà gliel'ho detto e mi ha dato un scufioto che sono stufo di chiappare scufioti e forse un giorno scappo da casa. Come bambino di questa città sono però contento che tanta gente venga a Verona per il Vinitaly, anche straniera, tranne i marocchini che bevono solo bibite gazate come mia zia Gigliola che è sempre piena di aria. Di considerazioni ne avrei tante ma mi vengono in mente solo queste». •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1