13 dicembre 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

15.11.2019

I cartelloni del Barini
la Agata e le bombe

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Il presidente dell'Amt, ragionier Barini - scrive la Olga - attacca cartelloni informativi nelle zone martoriate dai cantieri per la filovia. Intende così difendere la sua Opera dalle fèik niùs. I residenti di via Dolomiti e di via Marmolada, a Madonna di Campagna, ingabbiati da mesi da reti metalliche e privati della comodità, che diventa spesso necessità, di parcheggiare l'auto sotto casa ringraziano. L'atmosfera, specie di sera e con la pioggia, è da incubo, con quel semaforone posticcio che devia il traffico in una stradina dove passa a malapena una carriola. Ma ora i cartelloni faranno chiarezza. Il loro senso lo ha riassunto il ragionier Dolimàn al bareto: «Cittadini, non avete capito un c... Lavoriamo per il vostro futuro. Adesso mugugnate ma poi vedrete quanto sarà bello avere le filovie, rapide e invisibili come i sommergibili del famoso inno marinaro». I cartelloni del Barini ricordano ai più anziani quelli attaccati da Noè per conto del Padreterno nell'imminenza del diluvio universale. «Scusate il disagio ma poi avrete un mondo migliore». Si sono salvati solo quattro mussi, vinti pegoréte, un elefante, una bufala per le mozzarelle e la famiglia del patriarca con la colf bielorussa. «Ghe i do mi i cartelóni - mi dice la Agata di via Dolomiti - I ghe ne fa un sporchésso, i rebàlta la cità par rimétar la filovia che g'avéimo cinquant'ani fa e i ne dise de portàr pasiènsa». Leggo su L'Arena che in via Città di Nimes, prima di mettere giù i plinti per i pali che sorreggeranno i fili per le tiràche della filovia, dovranno tirar su le bombe della guerra. Un bel casìn dirottare il traffico da quelle parti. Prevedo imbugamenti biblici. E pensare che sul giornaletto informativo "Opera Filovia" di Comune e Amt del luglio scorso si diceva che l'impatto sulla vita quotidiana della popolazione sarebbe stato "medio". Medio un ciùfolo. Queste sono le vere fèic niùs, ragionier Barini, non quelle di cui si lamenta lei. E vediamo cosa succederà quando sarà il turno di via Mameli e di via San Paolo. «El sarà un spegasso» dice el Toni Cagnara, il casinologo del bareto, e aggiunge: «Sarìa mèio par tuti che Comune e Amt i g'avesse el coràio de métar fora bandiera bianca».

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1