18 settembre 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

11.09.2020 Tags: Verona

Giacinta e la
bici da òmo
col neodìn sul stangón

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Incontro la Giacinta - scrive la Olga - ed è tutta eccitata perché lunedì il suo Neodìn, il Nicholas, va in prima media «Èlo pronto?» le chiedo. «Lu sì - ma l'è la scóla che no l’è pronta. Manca i banchi, manca i professori e no se cata i suplenti, manca i bidèi, manca i autobus ma anca se ghe ne fusse abastansa, no me fido de fàrlo montàr insìma». E allora come ci va a scuola? «Lo porto mi sul stangón de la bici de so pare». «No la g’à el segiolìn?». «Sì, ma no’l ghe sta più rento, ghe s’à ingrossà el cul, adesso el gà un cul da prima media». Dico alla Giacinta che non la vedo su una bici col stangón. Mi risponde che il papà e la mamma di Nicholas devono andare a lavorare e che non sarà la sola nonna a portare el neodìn sul stangón, come d’altra parte faceva suo marito con lei. «Me se informigolava le culate ma me piaséa fàrme menàr in giro dal me òmo. Te ricòrdito che bei bafi che el gavéa?». Le esprimo tutti i miei timori per la scuola che riparte in questo modo, tra il contagio che sta risalendo, tra ordini e contrordini, decisioni discutibili prese all’ultimo momento o non ancora prese, mascherine e non mascherine, distanze impossibili da rispettare, professori che marcano visita, la possibilità che un buteléto o un insegnante si ammali e allora vanno in quarantena tutta la classe, el professor, i parenti di questo e degli alunni. «L’è un terno al lòto - mi risponde la Giacinta - E se me malo mi che son la nona sucede la stessa roba: classe, professori e parenti in quarantena. Noàltre nòne dovémo tegnér duro. Intanto ò disinfetà la bicicléta, pedài compresi, e pò l’è un par de setimane che evito la movida, come dovarìa far tute le nòne che le gà neódi da portàr a scóla». Mi viene in mente che il suo povero marito non portava i baffi. «Giacinta - le dico - ma to marì no’l gavéa mia i bafi, No l’è che...?». «A volte el le portava e a volte no - mi risponde un po’ imbarazzata - ma adesso stémo parlando de scóla. Al Nicholas gò crompà el zainéto e gò messo rénto un butilión de amuchina. Prima, durante l’emergensa la costava òto-diése euro e adesso che i ghe n’à i magasìni pieni i te le tira drio». «La solita vergognosa speculassión» le dico. •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1