26 gennaio 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

04.12.2019

Furti di alberi Natale
C’è una banda specializzata

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Nella notte da lupi, cupa e piovigginosa, tra domenica e lunedì - scrive la Olga - ha preso il volo per destinazione ignota l'albero di Natale allestito all'esterno dell'osteria "La Cantina di Romeo", a due passi dalla sorvegliatissima Prefettura, e che annovera tra i suoi avventori l'assessore alla sicurezza Polato. L'oste, nella denuncia in Questura, ne ha fornito anche l'altezza, due metri e mezzo, una misura da renderne problematica l'asportazione da parte di un singolo ladro, benché fornito di braccia robuste. Facile quindi che i ladri siano stati almeno due, con la complicità di un palo, forse travestito da abete. Tre ladri insieme fanno una banda, un'organizzazione criminale specializzata nel furto di alberi di Natale che agisce a piede felpato e poi rivende a uno o a più ricettatori. La tesi della banda, e quindi non del furto estemporaneo o della bravata, è avvalorata dal fatto che altri alberi di Natale sono spariti in queste notti. Tra questi quello all'esterno del "Bareto da Oreste", frequentato dal ragionier Dolimàn e dai suoi compagni di briscola, e quello del pontesèl della Irma. L'albero del bareto aveva come base un vesòto ed era assicurato al pluviale da una catena e un lucchetto. «L'è el primo ano che i me le ciàva - ha detto l'Oreste - ma par fortuna i m'à lassà el vesòto. I m'à ciavà anca le lucéte e i à semenà le bale dapartuto». L'investigatore del bareto, l'ex appuntato dei carabinieri Quàia, incaricato di seguire i frantumi delle bale, è arrivato fino alla porta della propria casa ma ha liquidato il particolare come un tentativo di depistaggio. Sono stati invece dei ladri acrobati quelli che col favore delle tenebre si sono rampegati fino al pontesèl della Irma. «Lasséme almanco le baléte» gli ha gridato inutilmente la Irma che, svegliata dal trambusto, li ha intravisti dalla finestra della camera. «Par no dar ne l'òcio - mi ha detto - iera vestìi da Babi Natale. Uno el fumàa la pipa». Il particolare della pipa è al vaglio degli investigatori, ma per molti furti di alberi di Natale regolarmente denunciati, molti altri restano ignoti perché i derubati temono ritorsioni o si vergognano. «Èto fato l'albero sul pontesèl?» ho chiesto alla Fedora. «Sì ma el me l'à portà via el vento» mi ha risposto.

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1