15 novembre 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

15.10.2019

Coi casotti ci si prepara
all’anniversario di Dante

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Come ha detto su questo giornale Cangrande - scrive la Olga - con Hostaria è cominciata la stagione delle sagre. Avremo casotti di legno un po' ovunque fino a Natale. La mia amica Elide ne è felice perché i casotti le mettono allegria ma il professor Scalcagnato ci vede anche una valenza culturale. Ha detto infatti al bareto che con i casotti ci si prepara all'anniversario dantesco del 2021 e che quindi anche i casotti sono cultura. Per gran parte degli avventori del bareto Dante è solo 'na marca de òio d'oliva, ma c'è anche chi, avendo fatto le scóle alte come el ragionier Dolimàn, sa che era un grande amico di Cangrande e che per questo deve essere celebrato degnamente con la madre di tutte le sagre che starebbero preparando in Comune. Il filosofo-psicologo-sociologo Strusa, che ha fatto le scóle ancora più alte, ha detto al bareto che il programma delle manifestazioni dantesche è ancora top secret, ma di aver saputo, da quel poco che è trapelato, che verranno eretti casotti a due o più piani, come del resto ha confermato l'architetto Spegassi al quale sarebbe stato commissionato il progetto. «Sempre e solo casòti - si è lamentato el Tegolina - ma èlo possibile che no ghe sia altre idee?». «E te par poco i casòti a più piani e magari co' la caminèla e un cortìl dove se pol métarge, par esempio, Dante Lupo, quel del zugo da tòla par butìni, ch'el bée goti co' Barbapapà? - gli ha risposto piccato el ragionier Dolimàn. «D'altra parte, questa l'è la cità dei goti - gli ha fatto eco el comendator Marandèla -. Basta védar i tri giorni culturali de Hostaria coi imbriàghi che pissava in tuti i cantoni. L'è coi goti che ghe faremo festa a Dante». Gli avventori da le scole basse non aspettavano altro per intonare "Dante/Dante/Dante imbriagòn...". La Beresina ha detto però che ci vuole rispetto per uno, come Dante, che ha scritto "Romeo e Giulietta". Subito el Strusa l'ha segnalata alla commissione che si sta occupando delle celebrazioni del settecentesimo anniversario della morte, «parché, co' la so competènsa, la podarìa dàrghe 'na man». El Marzemino Brusalitri ha proposto dei casòti a forma di damigiane. «Fermo lì - gli ha detto el ragionier Dolimàn - ché no ris-cémo de èssar massa aculturati». •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1