07 agosto 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

31.07.2020

Cassonetti e cestini smart ma capita che di notte...

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Se non è smart - scrive la Olga - non lo vogliamo. Ormai è tutto smart in questa città, un aggettivo di così vasto impiego che lo si usa perfino per le supposte. Dopo l'entrata in funzione nel febbraio scorso, ma limitatamente ad alcune zone di borgo Venezia e di San Michele, dei cassonetti smart, apribili solo con quei moderni apriscatole che sono le schede elettroniche e le app dei cellulari, l'Amia installerà anche, in via sperimentale e in alcuni punti strategici, dei cestini doppio smart con doppia funzione: oltre infatti a essere dotati di un sistema a energia solare di autocompressione dei rifiuti, potranno comunicare alla centrale, mediante un'altra diavoleria, lo stato del loro riempimento. Non faranno insomma in tempo a traboccare che verranno svuotati in men che non si dica. A me la tecnologia piace molto, al punto che in casa ho, tra tante altre cose smart, un masenìn del caffè che funziona a comando vocale. Te ghe dìsi «Masena!» e lu el màsena fin a quando no l'à finìo de masenàr. Mentre però attendo con impazienza i cestini di nuova generazione che risolveranno - ghe vorìa altro! - il problema delle piccole sgaùie da passeggio, avrei qualcosa da dire sui cassonetti a schede o ad app. Non che non siano davvero all'avanguardia, ma sta di fatto che non a tutti piace fare gli avanguardisti e così c'è chi va a buttare le sgaùie nelle zone limitrofe servite ancora dal vecchio sistema del cassonetto libero, col risultato che attorno a questi debordanti monumenti alla spussa, si formano delle montagne di sacchi e di sacchetti fuori legge che potrebbero attirare i porsèi dalla campagna. I pendolari delle sgaùie si materializzano soprattutto la sera o la notte quando credono di non esseri visti. Arrivano solitamente in auto, spalancano il baule e lestamente scaricano, ma c'è anche chi lancia il sacco dalla moto in corsa, raramente dalla bici e, comunque, mai dal cavallo, almeno finora. El Cilo, detto Fosforo, lo scemo smart del bareto, dice che questo era ampiamente previsto nel momento in cui l'Amia ha dotato solo una parte esigua della città dei cassonetti smart. Ma purtroppo agli scemi, anche se smart, non si dà mai ascolto. •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1