07 agosto 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

04.07.2020

Anche quella dei mona
è purtroppo un’epidemia

La Posta della Olga
La Posta della Olga

El dotór Bugansa - scrive la Olga - l'è sempre de scapón. «Andó córelo? El se ferma un fiatìn» gli urlo mentre sta montando in sella alla bici al cui portapacchi aveva legato con due giri di spago la borsa a soffietto con i ferri del mestiere. «Gó tanti mati da visitàr» mi risponde. «Mati mati?». «Sì, el lockdàun, ma più ancora el terorismo dei virologi el gà scombinà el sarvèl, ghe se n'à malà più de nervi che de virus. Adesso l'è tornà a dir la sua anca Burioni che, a sentìr lu, paréa che el se dovesse métar in silènsio stampa fin a novembre, e apena l'à rivèrto bóca gó avùo più ciamàde dei pompieri ». Chiedo al dotór Bugansa se lui ci crede che ci sarà una nuova ondata di coronavirus in autunno. «La me scusa un atimo...» mi dice mentre tira fuori da una scarsèla il telefono con la fanfara dei bersaglieri. «La spèta a butàrse zó dal pontesèl che tra diése minuti son da éla. Se la vol la pol butàrse dopo che son vegnùo» risponde a una paziente che la sigava come un'aquila, e poi, rivolto a me: «La me domanda se el virus el tornarà a novembre? Savérlo! I virologi, i infetivologi e i epidemiologi i ghe ne sa quanto mi o éla. Epur 'sti professoroni, par fàrse bèi in televisión e sui giornài, i sèita a baucàr e i spaènta la gente sensibile, sopratuto quei vèci che staòlta i l'à scapolà ma la prossima, se la ghe sarà, i g'à paura de cascàrghe rénto». Gli rispondo che ci stanno rovinando l'esistenza in questi tempi in cui, grazie anche alle giornate estive, stiamo assaporando una specie di resurrezione. «Mi digo - mi fa el dotór Bugànsa - che no bisogna sbragàrse e dir che l'è finìa, parché no se sa mai, visto che i contagi iè in aumento, ma gnanca disperàrse par 'na roba che no se sa se la vegnarà. Vedo che éla l'è mascarà come mi. Se tuti fémo pulito ris-cémo poco». Gli faccio però presente che Zaia è preoccupato perché da rischio basso siamo passati a rischio alto. «Lo so, l’è colpa de un mona vicentìn - risponde - che, pur savendo de èssar positivo, l'è andà in giro a infetàr. Ma i mona i ghe sarà sempre, l'è 'n'epidemia che no la finirà mai». «Sì, però Burioni ieri l'à dito che co' la salute no se schèrsa». «Da un siensiàto - mi risponde - me sarìa spetà 'na dichiarassión un fià più sientifica». •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1