11 luglio 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

28.05.2020

Adesso essere anziani
è diventata una colpa

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Quando nonna Giacinta ha letto che non potrà accompagnare el neodìn Nicholas al centro estivo perché ha più di sessant'anni - scrive la Olga - si è scolata mezza bottiglietta di Lexotan. Da quando è finito il lockdàun e i genitori di Nicholas sono tornati al lavoro, è lei che si prende cura del bambino. Gli fa da mangiare, lo aiuta a vestirsi, lo porta al parco, ma al Grest, se dovesse riaprire, le chiederebbero la carta d'identità e non la farebbero entrare. «Son taià fora parché g'ò setanta carnevài anca se ghe ne dimostro sinquantanóve» mi dice sconsolata. Le rispondo che sono pochi i nonni che hanno meno di sessant'anni e che il suo scoramento anagrafico è comune a molti altri. Mi chiede se mi sembra giusto che gli ultrasessantenni possano andare al ristorante e in palestra, fare da babysitter ai nipoti ma che poi non possano accompagnarli a giocare nei centri estivi. «Iè le incongruènse del Comitato tecnico sientifico - le rispondo - che el mòla dove no se dovarìa molàr e el punta i pié dove ocorarìa un fiatìn de comprensión, de umanità e de logica». È probabile che Nicholas rimproveri alla nonna di essere vecchia, cosa di cui non si era mai accorto prima. E allora la nonna vivrà i suoi settant'anni come una colpa, si tormenterà e farà i conti di quanti anni avrebbe dovuto avere per mettere al mondo il papà di Nicholas in tempo per avere sessant'anni alla riapertura dei Grest del 2020. Rimprovererà anche al figlio e alla nuora di non essere stati abbastanza solleciti nel procreare. Ma chi mai avrebbe pensato alla pandemia e al Comitato? La Giacinta mi confessa di essere andata da un certo Salvatore Vesuvio che falsifica carte d'identità e passaporti per la mala ma di essere stata messa alla porta quando gli ha spiegato che la contraffazione del documento le sarebbe servita per uno scopo nobile. Il coronavirus ci ha imbarbariti. Neanche i delinquenti sono più quelli di prima. E noialtri veciòti ci siamo accorti di essere diventati inutili, se non pericolosi. Eravamo una risorsa ma sono bastati il virus e il comitato per declassarci a zavorra. Eppure finora ci siamo occupati dei nipotini senza che lo Stato versasse un euro delle montagne di miliardi che ha stanziato per l'emergenza. •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1