24 luglio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Febbraio

20.02.2015

I profughi, l'Arsenale e i plateatici rialzati

La posta della Olga
La posta della Olga

«Scartata l'ipotesi delle tendopoli» scrive la Olga «i profughi saranno ospitati nelle caserme dismesse e allora finalmente tutti i progetti, in gran parte bislacchi, che da vent'anni si intrecciano per ridare una funzione all'Arsenale saranno carta straccia. E magari i profughi, per rendere più accogliente l'ex deposito di armi di Cecco Beppe, che li ospita, si daranno da fare, con òio de górmbio e cassóle, per frenarne il degrado. Mentre la Elide e tanti altri veronesi, vedendo el bicér mezzo udo, si preoccupano che tra i pòri cristi del popolo delle barche ci sia anche qualche terrorista dell'Isis, io e il mio Gino vediamo el bicér mezo pien perché speriamo che, considerata la nuova (e definitiva perché gli sbarchi non finiranno mai) destinazione d'uso dell'Arsenale, finirà la ridicola gara a chi spara la cassada più grossa sul suo restauro».
«L'arrivo dei profughi (anca se sarìa meio che no ghe fusse né profughi né guère, né miseria né disperassión) ridarà dunque vita (vedémola così se no ne vien le terìssie) alle caserme abbandonate. E siccome, con l'aria che tira dopo gli attentati di Parigi, stanno per ritornare nelle vie della città le pattuglie dell'esercito, la combinassión tra profughi e soldà non ci ispirerà sicuramente dei pensieri allegri. El ragionieir Dolimàn non esclude che tra le misure di sicurezza rientri la decisione del Comune di rialzare i plateatici di bar, osterie e ristoranti mediante pedane di legno o di metallo. El ragionier sostiene infatti che l'invasione di Verona da parte dei tagliateste dell'Isis sia sì improbabile quanto il verificarsi (magari sempre per opera dell'Isis) del fenomeno dell'acqua alta, ma che un domàn, se dovesse succedere che l'Àdese l'andasse de sora come nel 1882, all'assessór Corsi non si potrà imputare di non essere stato preveggente mettendo in suta i pié degli avventori».
«Acqua alta e vin alto. Il fotografo Toscani è stato formalmente indagato per diffamazione per aver detto che i veneti sono un popolo di imbriagoni e di alcolizzati. El ragionier esclude ogni possibile nesso tra il vin alto e le misure antiterrorismo ma sostiene che, se dovesse aver ragione Toscani, grazie ai plateatici rialzati, gli imbriaghi si potranno vedere meglio».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1