23 maggio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Aprile

30.04.2015

Perché il prof. Spandilacqua va in aula con l'ombrello

La posta della Olga
La posta della Olga

«Se il governo fa le riforme e le fa alla va te ciava, come diciamo noaltri veronesi che no ghémo peli su la lengua» scrive la Olga «è meglio che non le faccia per niente».
«Guarda la riforma delle Province. Si diceva che dovevano essere abolite e invece a essere aboliti sono stati solo i trasferimenti di schei statali che servirebbero per tenerle in piedi. Quel poco che arriva tra un po' non servirà neanche a pagare le bollette delle luce».
«Guarda poi la vacada della legge di stabilità che non stabilizza un bel ciùfolo, che anzi destabilizza, impedendo a Comuni e Province di spendere i pur pochi schei che hanno in cassa per opere essenziali, come per esempio, impedire che le scuole, che sono tutte scalcinate, caschino sulla testa dei nostri fiói e dei loro insegnanti».
«La Provincia ha competenza su 53 immobili scolastici e, pur avendo qualche scheo da spendere par rifàr i copi roti, puntelàr i muri, sbianchezàr le pareti, giustàr le finestre e i cessi e far sì che el riscaldamento funzioni in modo che d'inverno le aule no le sia delle giassaréte, pur avendo qualche scheo, dicevo, non lo può spendere perché c'è da rispettare la legge di stabilità».
«Mi dice il professor Spandilacqua che le tapparelle della sua aula sono bloccate da anni: una l'è serà del tuto, una l'è ferma a metà e una, per tenerla su, l'ha puntellata lui stesso con due assi che si è portato da casa».
«Mi dice anche che la sua scuola vista da fuori sembra bombardata ma che vista da dentro è peggio».
«Ogni ministro della pubblica istruzione di un nuovo governo fa la riforma della scuola, cercando sempre di fare peggio del suo predecessore».
«Ma se per qualche anno il governo, invece di pensare a come far funzionare sempre peggio la scuola, si dedicasse a rendere più sicuri e decenti gli edifici scolastici, non si dimostrerebbe meno demagogico e più utile?».
«Ogni volta che parte per andare a scuola, anche se c'è il sole, il professor Spandilacqua si porta l'ombrello.
«È per gli uccellini» spiega. «Sui coppi, proprio sopra la cattedra, c'è un buco e sono stufo che gli uccellini mi caghino in testa».

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1