26 giugno 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Tutti gli interventi

17.12.2013

Treni, Legambiente boccia i nuovi orari

Passeggeri in un treno
Passeggeri in un treno

«I disagi del primo giorno di orario cadenzato erano ampiamente prevedibili: le rivoluzioni non si fanno a costo zero». Così attacca Legambiente in occasione della presentazione del rapporto Pendolario 2013, dossier sullo stato dei treni per pendolari in Italia. Basta un dato per spiegare molte cose: Negli ultimi due anni le corse dei treni dei pendolari in Veneto sono diminuite del 3,35% mentre le tariffe sono aumentate del 15%.
Nel 2013 la Regione Veneto ha speso solo lo 0,31% del proprio bilancio per finanziare il trasporto su ferro: percentuale che mette la nostra regione a livelli della Calabria (0,29%) e molto meno della Lombardia (1,19%) e della Toscana (0,76%), anni luce dall'Alto Adige che investe quasi il 2% del proprio bilancio per i proprio pendolari (1,97%). La media nazionale è dello 0,4%.
La differenza diventa ancora più lampante se si guardi agli investimenti nel corso degli ultimi dieci anni: il Veneto ha investito una media di 6.7 euro all'anno pro-capite per i servizi ferroviari e materiale rotabile, ben lontano da regioni come l'Emilia Romagna (10,6), la Toscana (13,1) o la Lombardia (14,6).
«È evidente che ci troviamo di fronte a una questione nazionale e a una battaglia di civiltà nell’interesse dei cittadini – commenta Luigi Lazzaro, presidente regionale di Legambiente – dove le responsabilità della Regione Veneto sono pesanti e trascinate da decenni. La cosa più incredibile è sentir parlare l'assessore Chisso di rivoluzione del candenzamento: se rivoluzione significa penalizzare la parte sociale del trasporto a vantaggio di alcuni segmenti, aumento delle fasce scoperte, riduzione ulteriore dell'offerta nei giorni prefestivi e festivi, è evidente – continua Lazzaro – che la proposta non ha nulla a che vedere con un moderno concetto di trasporto pubblico, utile a ridurre la mobilità privata. Non vi è nessuna politica dedicata ad intercettare nuovi utenti e anzi siamo di fronte ad una palese incapacità di governare il sistema e le necessità di trasporto nella regione, dimostrano, una volta di più, come l’assessore Chisso non si occupi di trasporto ma d’infrastrutture».
Infatti i soldi non sembrano mancare quando si parla di nuove strade. La Regione Veneto ha tagliato con il nuovo orario i collegamenti interregionali con la Lombardia e tutta l'attenzione va in termini di risorse e impegno alla realizzazione di nuovi progetti autostradali come la Pedemontana veneta, la Valdastico, il Raccordo anulare di Padova, la Nogara-Mare. Solo per il Grande raccordo anulare di Padova e per la pedemontana veneta il contributo pubblico previsto è di 700milioni di euro: circa 4 volte quello che viene stanziato ogni anno per i pendolari dei treni in Veneto.
I finanziamenti da parte dei governi che si sono succeduti in questo decennio, attraverso la legge Obiettivo, hanno premiato per il 71,9% gli investimenti in strade e autostrade. In termini assoluti le infrastrutture stradali sfiorano la quota faraonica di 81 miliardi di euro, contro i 17,8 delle ferrovie e i 13,5 delle metropolitane.
Ma la rilevante criticità, evidenziata oggi da Legambiente con il blitz presso la stazione ferroviaria di Verona Porta Nuova, sta proprio nella sostituzione dei treni interregionali con il potenziamento delle Freccie Bianche che, oltre ad avere un costo doppio rispetto al treno regionale, obbliga una sosta forzata con cambio di convoglio anche per la linea diretta est-ovest, quindi senza soluzione di continuità sulla Milano-Venezia. Inoltre solo in 8 casi, sulla stessa linea, è presente la coincidenza (fortuita?) con tempi di attesa tra 18 e 26 minuti.
Un vero fallimento del Sistema Ferroviaria Metropolitana Regionale (Sfmr) individuato nel piano regionale (Ptrc) del 1992 che prevedeva un servizio metropolitano di superficie con una rete capillare cadenzata tra 10 e 16 minuti sull’intero sistema, recuperando tutte le linee dismesse e/o abbandonate oltre al miglior utilizzo delle esistenti; fallimento peraltro già confermato dalla cancellazione di molte stazione provinciali dell'interland veronese come Sommacampagna, Sona, Ca di David, Castel d’Azzano, Parona, Arcè, Pescantina… che da molti anni non vedono più alcun treno obbligando i residenti all’uso del proprio mezzo anche per spostamenti verso altre stazioni.
Per quanto riguarda la cosiddetta rivoluzione del trasporto pendolare con l'introduzione dell'orario cadenzato, a livello regionale emergono ulteriori numerose criticità: chi si muove dalle periferie verso i principali centri urbani e deve essere al lavoro nelle prime ore del mattino si accomodi in auto, chi termina dopo le 21 o al massimo 22, prenda l’auto. Si vuole andare a Milano? Si prenda l’auto per raggiungere le principali stazioni dove, comunque, si sarà costretti a prendere una Freccia (servizio commerciale di alto costo per l'utente tanto più in questo periodo di crisi economica) visto che i treni interregionali per Milano sono stati tutti soppressi portando il tempo di percorrenza tra Venezia e Milano, con cambi obbligati a Verona, dalle 3 ore e 30 minuti alle quasi 4 ore e trenta attuali.
E dove è finita la MacroRegione del Nord? Ci sono turisti che desiderano soggiornare nella cintura delle nostre belle Città, favorendo ospitalità diffusa e turismo nei piccoli centri della nostra Regione? La politica di questa Giunta Regionale punta solo al mezzo privato (bisogna pur pagare i pedaggi per le autostrade) condannando le città a perenni e crescenti ingorghi. I danni dal punto di vista ambientale, in un Paese con un tasso di motorizzazione del 20% superiore a quello degli altri Stati Europei (solo a Verona Città ad esempio, esiste un parco auto di circa 141.000 veicoli privati) conseguenti all’utilizzo di mezzi privati nelle fasce orarie abbandonate, sono evidenti a tutti tranne a chi si deve occupare della salute e della sicurezza dei cittadini che si devono spostare. Per non parlare dei costi sociali, che, come riportato nel rapporto ambientale 2013 Ispra, per la sola città di Verona ammontano a 215 milioni di Euro, maglia nera tra le Città medie d'Italia.
Il rapporto, disponibile sul sito www.legambienteveneto.it, si sofferma in particolare su tre linee venete minori, particolarmente martoriate: la Vicenza Schio, la Padova Calalzo e la Portogruaro Mestre.Linee che si insericono in un contesto regionale e nazionale caratterizzato da tagli che vanno avanti di anno in anno.
L'aumento del numero dei treni sulla Verona-Venezia è dunque significativo e la verifica dei prossimi giorni ci darà modo di verificare la bontà degli orari, la corrispondenza dei posti a sedere rispetto ai viaggiatori e la congruità delle coincidenze con le altre linee. Discorso totalmente opposto sulla Vicenza-Schio dove il numero dei treni diminuisce sensibilmente, si mettono in orario due autobus da Vicenza verso Schio con tempi di percorrenza di 1 ora e 22 minuti, in particolare quello in partenza da Vicenza alle 6,08 e in arrivo a Schio alle 7,30 poteva essere sostituito da un treno.
Non è chiaro se le Fs e la Regione hanno colto il problema del super affollamento che già si verificava sui treni in orario di punta della Vicenza-Schio, i treni più affollati già nel precedente orario abbisognavano di sostanziosi incremento di carrozze, ora che ci sono meno treni, se non ci sarà almeno un raddoppio dei posti, sarà come far viaggiare delle scatole di sardine. Fs e Regione sanno bene che questo va contro al principio fondamentale, tutelato dalla legge, della incolumità dei viaggiatori. Nel mentre dunque riscontriamo l'incremento dei treni operato sulla Verona-Venezia, siamo molto critici sul ridimensionamento operato sulla Vicenza Schio. Inoltre su Verona osserviamo come i treni regionali nel nuovo orario registrino un calo complessivo di 11 corse: le 116 corse complessive, per le sole andate, si sono ridotte a 107. Aumentano è vero le corse per Venezia da 24 a 29, restano però invariate le corse verso Trento e Bologna, e calano sensibilmente le corse verso Peschiera (da 22 a 19) e verso Villafranca (da 15 a 13).
Per quanto riguarda il Veneto orientale i Regionali Lenti aumentano (R) passando da 16 a 27 nei giorni lavorativi (escluso il sabato) di cui 13 (48%) però sono originari/limitati a Mestre, mentre tra sabato e festivi passano dagli attuali complessivi 27 ai futuri 22 (-20 %). E se i treni aumentano dal lunedì al venerdì contemporaneamente diminuiscono le ore coperte: attualmente a Mestre si viaggia dalle 6.31 alle 0.49 verso Portogruaro, mentre col nuovo orario si viaggerà tra le 5.25 e le 22.25, 17 ore a cui vanno tolte, un buco in mattinata tra le 10.25 e le 12.57 e uno in serata tra le 20.25 e le 22.25; quindi anche se il servizio partirà un’ora prima, chiuderà con 3 ore di anticipo rispetto ad ora e lasciando scoperte 4 ore e mezza durante il giorno, in totale 12 ore e mezza. Dopo le 22 i piccoli centri non sono più collegati dal servizio ferroviario (mentre ora lo sono fino all’1 di notte quasi) isolandoli di fatto fino al mattino dopo. Inalterata la copertura totale verso Venezia, ma con un aumento della fascia scoperta tardo mattutina: il primo treno che giungerà a Mestre nel primo pomeriggio arriverà alle 13.36 mentre attualmente arriva alle 13.04, mezz’ora in più oltre alle 2 ore attuali (allungamento del 25% di ore scoperte).
Il sabato il primo lento che giungerà a Mestre sarà alle 6.38 contro l’attuale 5.12, (ben un’ora e mezza dopo) mentre nei festivi si potrà arrivare a Mestre non prima delle 8.44 (3 ore e mezza dopo) impendendo di raggiungere qualsiasi destinazione a media/lunga distanza in mattinata. Positiva l’idea di cadenzare i treni festivi ogni due ore, ma è impensabile che il servizio festivo inizi alle 7 del mattino: mentre ora verso Portogruaro il servizio copre dalle 6 alle 24 (18 ore), con il cadenzato coprirà dalle 7 alle 22 (15 ore), un netto di 3 ore in meno nell’arco della giornata (-18%); ora verso Venezia il servizio copre dalle 5 alle 21 (16 ore), con il cadenzato coprirà dalle 8 alle 22 (14 ore) un netto di 2 ore in meno nell’arco della giornata (-14%).
Sottolineiamo che l’ultimo treno lento verso Venezia terminerà a Mestre alle 22.36 e il primo treno utile per Venezia sarà alle 23.08, dal momento che 22.37 sarà impossibile prenderlo scendendo alle 22.36 al binario giardino. Venezia sembra irraggiungile!
Per quanto riguarda i Regionali Veloci (RV) passano da 12 a 13 al giorno. Tuttavia tra le 11.08 e le 14.08 in arrivo a Mestre non ci sono Treni: attualmente dopo le 11.11 arriva 13.37, quindi il cadenzato introdurrà un’ulteriore mezz’ora di mancanza. In direzione Trieste l’ultimo treno utile sarà alle 22.53 anziché alle 0.32 (un’ora e mezza abbondante prima). Dopo le 23 a Mestre arrivano collegamenti nazionali da Torino (23.28) e da Roma (23.23), ma anche da Bologna (23.06) e da Verona (23.36). Tutti quei viaggiatori che devono rientrare nel NordEst con questi treni, non potranno più farlo. Riteniamo sia obbligatorio che i viaggiatori una volta giunti a Mestre abbiamo sempre la coincidenza per raggiungere la parte orientale della provincia e il FVG. Il servizio regionale e quello nazionale devono interagire: i viaggiatori devono avere la possibilità di prendere a Mestre un treno regionale per il NordEst scendendo dalle Frecce a qualsiasi ora arrivino. Il nuovo orario non garantisce questa possibilità. La stessa cosa al mattino. Non sarà possibile raggiungere Mestre prima delle 7.08, mentre attualmente il primo treno circolante tutti i giorni arriva alle 6.16 (quasi un’ora prima). Le prime Frecce per Roma (6.27), Milano (7.02), Torino (6.32) e Lecce (7.09) sono quindi prive di coincidenze dal NordEst. I viaggiatori devono avere la possibilità di prendere a Mestre una Freccia giungendovi dal NordEst con un treno regionale, che quindi deve garantire le coincidenze con le prime Frecce del mattino. Nemmeno questo è garantito con il nuovo orario.
La situazione dei pendolari dopo i tagli di questi anni è sempre più grave. Proprio in un momento di crisi economica come quello che stiamo attraversando, bisogna occuparsi di un fenomeno sociale di queste dimensioni, perché è anche la crisi ad obbligare tante persone a spostarsi sui mezzo pubblici per risparmiare. Infatti è rilevante il dato di continua crescita del numero di pendolari su ferro nella nostra regione, con un totale di oltre 161.000 viaggiatori al giorno.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1