20 luglio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Prodotti & Mercato

27.07.2018

Pizza fai da te?
"Attenzione a tempi
e ingredienti"

Pochi ingredienti ma di alta qualità per una Margherita di successo
Pochi ingredienti ma di alta qualità per una Margherita di successo

È compagna ideale di una pausa pranzo frugale, come di una cena in relax con gli amici. Amata ugualmente da grandi e piccini, non c’è italiano doc che non si sia cimentato a riprodurla con le proprie mani, almeno una volta. Ma non basta una ricetta seguita bene per un risultato certo. Occorre prendere la mano con impasti, temperature e tempi. Gli accorgimenti per una pizza da applauso? Li abbiamo chiesti a Matteo Aloe, chef calabrese creatore col fratello di Berberè, insegna che da qualche mese ha aperto i battenti anche a Verona, in via Pellicciai. E che premette: «Il segreto è non avere fretta, bisogna impastare con calma e saper aspettare». Quali sono gli ingredienti che fanno la differenza? «La pizza è come il pane, per essere buona deve avere pochi ingredienti ma di alta qualità. Non cadete nell’errore di utilizzare prodotti di bassa qualità e costo. Scegliete il meglio degli ingredienti base come pomodoro, fiordilatte, farina e olio d’oliva». Parliamo di impasto: quale è consigliabile? «Noi consigliamo di realizzare l’impasto utilizzando farina di tipo 1 e la semola, mettendone metà in una ciotola assieme alla pasta madre rinfrescata 3 ore e mezzo prima (vedi procedimento sotto, ndr). Se utilizziamo un lievito di birra, possiamo impastare con un grammo per chilo di farina, iniziare la lievitazione a temperatura ambiente e poi mettere in frigo per 20 ore». Si può usare la macchina del pane? «Gli strumenti meccanici possono essere di grande aiuto. Bisogna solo stare attenti che l’impasto non venga scaldato troppo durante l’impastamento, per cui meglio utilizzare acqua fredda nella realizzazione. La temperatura ideale per finire un impasto è 27 gradi. Quindi un altro passaggio delicato, la lievitazione... «Se utilizziamo un lievito di birra possiamo iniziare la lievitazione a temperatura ambiente e poi mettere in frigorifero per 20 ore. Due ore prima di cuocere, consigliamo di oliare una teglia tonda e di trasportare la palla di impasto, stendendola e coprendola con la pellicola, lasciandola riposare per altre 2 ore. Se l’impasto è idratato e ben maturato non è difficile stenderlo con le mani, partendo dal centro verso l’esterno». Quali ingredienti è meglio inserire in cottura e quali dopo? «Il pomodoro va sempre messo all’inizio, il fiordilatte in forno dall’inizio è sprecato, si può aggiungere 2-3 minuti prima della fine della cottura della pizza in modo da averlo leggermente sciolto. Così come un gorgonzola o un taleggio a metà cottura. Le verdure saltate come una scarola possono essere invece messe in cottura dall’inizio. I salumi sempre alla fine, altrimenti si seccano». Infine, la cottura... «Il consiglio è infornare poggiando la teglia sul fondo del forno per 7 minuti, ricordandosi di prescaldarlo. Importante anche muovere la teglia al piano medio del forno quando comincia a cucinarsi e cuocere la pizza per altri 6 minuti. Il forno è meglio se ventilato, ma ogni forno va conosciuto». •

QUI qualche altro suggerimento

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Gocce di latte
Latte, tutte le fake news sull'intolleranza
La tristezza
si combatte
con un infuso
La tisana ideale
per ognuno? Ecco
la «top five» degli infusi
Surgelati e congelati
Tutte le fake news
e i falsi miti
I trend del 2019
sulle nostre tavole?
Una cucina «pacifica»
Light e casalinghi
I dolci "amici"
della silhouette
Non solo tè delle 5
Ora spopola
il “wonderful time”
Operazione riciclo
Nuova vita al cibo
avanzato a Natale
«Inventare ricette
di riciclo per non
sprecare gli alimenti»
Pranzo di Natale
Lo chef: «Gli errori
da non commettere»
Meglio pandoro
o panettone?
È derby di Natale
Rosso, stagionato,
verde o fermentato
Un rito fai da... tè
Calamaro d'inverno
Quello all'istriana
è piatto di Natale
La pearà "della nonna"?
«Cuocere tanto
e mescolare poco»
Il bello del bollito?
Tagli diversi
in equilibrio
Funghi "stellati"
Sempre più
apprezzati dagli chef
Il futuro è servito
ai giovani
con gli chef 2.0
Castagne, di nuovo
alla ribalta dopo
il rischio estinzione
Le caldarroste
perfette si preparano
anche nel forno
Chi la intaglia
per Halloween
e chi ci fa la birra
La pasta? "Buona
perché nutriente,
ecologica e solidale"
Sapori d’autunno
I 12 cibi alleati
del buonumore
Happy hour nipponico
In Italia è febbre
da Izakaya
Il cibo del cuore
Tra i primi ricordi
c'è un piatto di pasta
«Nemico» fragrante
La crosta del pane
fa invecchiare
Brindisi ai Top 100
con la Guida dei vini
firmata L’Arena
Basta abbuffate
agli happy hour
Boom dell'aperilight
Perbellini a 5 stelle
Lo chef apre
in Medio Oriente
Pret à manger
In Italia è boom
del cibo pronto
Ordinare "veg"
non è virile
L'uomo lo evita
Degustazioni
e storie in rosa
Il vino al femminile
Pesce senza bugie
Il vademecum
anti-bufale
Fornelli, addio!
La cucina fire-free
fa proseliti
Scuola di sommelier
Al via sei corsi
a Verona e provincia
Grigliata perfetta?
"Carne fuori frigo
e olio all'inizio"
Prosciutto&melone
"stella" in tavola
Ippocrate docet
Il pic-nic?
Bon ton. Ecco
il suo "galateo"
"Guten appetit!"
La Germania a tavola
che non ti aspetti
Patate, wurstel
e crauti: varianti
dei piatti del cuore
Cibo tracciabile
Un Qr code
scongiura le frodi
Pizza fai da te?
"Attenzione a tempi
e ingredienti"
Stop a latte e uova
Per coni e coppette
è boom del vegano
«Oscar» del vino
Premiato il top
dell'enoturismo
Brioche un corno
Come riconoscere
il vero croissant
Vini veronesi sul podio a Merano con gli Amarone Masi e Ferragù
Dal “foraging”
ai fermentati
Cucina no limits
I vini meno noti?
Raccontati
in una “scatola”
Boom dai campi
ai negozi: Italia
patria del bio
Pesce e pollo,
la svolta bio
«Sani e di qualità»
Scorpacciata
di tintarella?
I cibi abbronzanti
Non solo maionese
Anche carne e ortaggi
sorvegliati speciali
Pasta, cucinarla
a fuoco spento
è più salutare
Pasta, annata
e provenienza
fanno la differenza
«No alla plastica,
sì al buio». Così
si conserva l’olio
Eventi in vigna
Un weekend
di Cantine Aperte
Turisti stranieri
Nessun veronese
tra i vini preferiti
Ristoranti tipici,
la "rete" debutta
con l'asparago
Sempre più glamour
e social, imperversa
la pic-nic mania
«Spicchi» e campioni
Verona è (seconda)
capitale della pizza
Bardolino,
un intero borgo
per i turisti «slow»
Crudo e bio
«La ri-evoluzione
del cioccolato»
Il piccione dello chef
Buffo fa volare
il «12 Apostoli»
Fondente o no,
è l'ora degli artisti
nell'uovo di Pasqua