20 giugno 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Prodotti & Mercato

11.06.2019

Latte, tutte le fake news sull'intolleranza

Latte «fake»
Latte «fake»

Stando alle opinioni di molti, consumare il latte non è così semplice perché si teme che il corpo non lo «sopporti». Lo conferma uno studio condotto dal gruppo di Psicologia dei Consumi della Facoltà di Scienze Agrarie Alimentari e Ambientali dell'Università Cattolica di Piacenza, diretto da Guendalina Graffigna, e presentato in occasione della Giornata Mondiale del Latte nei giorni scorsi a Cremona in un convegno promosso da Idf (Federazione Internazionale del Latte), con il supporto della Fondazione Invernizzi, in collaborazione con la stessa Università.

 

L'indagine ha preso in esame un campione rappresentativo della popolazione italiana di 1104 persone, con un'attenzione particolare su 269 mamme con figli da 1 a 22 anni. Stando ai risultati, nell'ultimo mese il 31 per cento della popolazione italiana dichiara di aver consumato spesso latte vaccino fresco, nel 25 per cento dei casi dichiarano di aver bevuto latte senza lattosio e nel 20 per cento di aver consumato bevande vegetali alternative. Il latte vaccino viene percepito come salutare e gustoso, mentre l'imprescindibilità di consumo appare essere una «zona d'ombra», soprattutto tra chi ha più di 22 anni.

 

Tra gli adulti, insomma, molte persone pensano che l'assunzione del latte possa in qualche modo creare qualche problema, soprattutto in termini di gonfiore della pancia, dolori addominali e simili.«Prima di tutto l'intolleranza al lattosio, che non va confusa con l'allergia, va dimostrata con test specifici e scientificamente validati», fa sapere Andrea Gjiselli, Dirigente di Ricerca del Centro di Ricerca-Alimenti e nutrizione e Presidente della Società Italiana di Scienze dell'Alimentazione.

 

«Il malassorbimento di lattosio è infatti una condizione abbastanza diffusa nella popolazione adulta, ma che quasi mai necessita della eliminazione del latte. La stragrande maggioranza dei mal assorbenti lattosio, può consumare una bella tazza di latte senza sintomatologia. La restante minoranza invece di rinunciare, può consumare due porzioni a distanza di tempo l'una dall'altra. Ci sono poi altri modi: la prima norma è consumare regolarmente piccole quantità di lattosio: così si «adatta» la flora batterica del colon che impara a digerirlo. Inoltre, il consumo di yogurt apporta quantitativi ridotti di lattosio e fornisce anche l'enzima lattasi che aiuta nella digestione.

 

Consumare latte insieme ad altri alimenti, come in Italia facciamo per la prima colazione, rallenta lievemente il transito intestinale facilitando la digestione del lattosio. Solo nelle forme più gravi si può ricorrere al latte delattosato, il cosiddetto latte HD, che si può acquistare o ottenere in casa tramite lattasi da sciogliere nel latte. Addirittura si può assumere lattasi poco prima del consumo di latte e lasciare a lei il compito della digestione. Insomma non ci sono ragioni valide per eliminare i prodotti lattiero-caseari, la cui rinuncia può anzi non permettere un adeguato apporto di calcio e quindi causare osteoporosi e fratture secondarie».

Federico Mereta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Latte, tutte le fake news sull'intolleranza
La tristezza
si combatte
con un infuso
La tisana ideale
per ognuno? Ecco
la «top five» degli infusi
Surgelati e congelati
Tutte le fake news
e i falsi miti
I trend del 2019
sulle nostre tavole?
Una cucina «pacifica»
Light e casalinghi
I dolci "amici"
della silhouette
Non solo tè delle 5
Ora spopola
il “wonderful time”
Operazione riciclo
Nuova vita al cibo
avanzato a Natale
«Inventare ricette
di riciclo per non
sprecare gli alimenti»
Pranzo di Natale
Lo chef: «Gli errori
da non commettere»
Meglio pandoro
o panettone?
È derby di Natale
Rosso, stagionato,
verde o fermentato
Un rito fai da... tè
Calamaro d'inverno
Quello all'istriana
è piatto di Natale
La pearà "della nonna"?
«Cuocere tanto
e mescolare poco»
Il bello del bollito?
Tagli diversi
in equilibrio
Funghi "stellati"
Sempre più
apprezzati dagli chef
Il futuro è servito
ai giovani
con gli chef 2.0
Castagne, di nuovo
alla ribalta dopo
il rischio estinzione
Le caldarroste
perfette si preparano
anche nel forno
Chi la intaglia
per Halloween
e chi ci fa la birra
La pasta? "Buona
perché nutriente,
ecologica e solidale"
Sapori d’autunno
I 12 cibi alleati
del buonumore
Happy hour nipponico
In Italia è febbre
da Izakaya
Il cibo del cuore
Tra i primi ricordi
c'è un piatto di pasta
«Nemico» fragrante
La crosta del pane
fa invecchiare
Brindisi ai Top 100
con la Guida dei vini
firmata L’Arena
Basta abbuffate
agli happy hour
Boom dell'aperilight
Perbellini a 5 stelle
Lo chef apre
in Medio Oriente
Pret à manger
In Italia è boom
del cibo pronto
Ordinare "veg"
non è virile
L'uomo lo evita
Degustazioni
e storie in rosa
Il vino al femminile
Pesce senza bugie
Il vademecum
anti-bufale
Fornelli, addio!
La cucina fire-free
fa proseliti
Scuola di sommelier
Al via sei corsi
a Verona e provincia
Grigliata perfetta?
"Carne fuori frigo
e olio all'inizio"
Prosciutto&melone
"stella" in tavola
Ippocrate docet
Il pic-nic?
Bon ton. Ecco
il suo "galateo"
"Guten appetit!"
La Germania a tavola
che non ti aspetti
Patate, wurstel
e crauti: varianti
dei piatti del cuore
Cibo tracciabile
Un Qr code
scongiura le frodi
Pizza fai da te?
"Attenzione a tempi
e ingredienti"
Stop a latte e uova
Per coni e coppette
è boom del vegano
«Oscar» del vino
Premiato il top
dell'enoturismo
Brioche un corno
Come riconoscere
il vero croissant
Vini veronesi sul podio a Merano con gli Amarone Masi e Ferragù
Dal “foraging”
ai fermentati
Cucina no limits
I vini meno noti?
Raccontati
in una “scatola”
Boom dai campi
ai negozi: Italia
patria del bio
Pesce e pollo,
la svolta bio
«Sani e di qualità»
Scorpacciata
di tintarella?
I cibi abbronzanti
Non solo maionese
Anche carne e ortaggi
sorvegliati speciali
Pasta, cucinarla
a fuoco spento
è più salutare
Pasta, annata
e provenienza
fanno la differenza
«No alla plastica,
sì al buio». Così
si conserva l’olio
Eventi in vigna
Un weekend
di Cantine Aperte
Turisti stranieri
Nessun veronese
tra i vini preferiti
Ristoranti tipici,
la "rete" debutta
con l'asparago
Sempre più glamour
e social, imperversa
la pic-nic mania
«Spicchi» e campioni
Verona è (seconda)
capitale della pizza
Bardolino,
un intero borgo
per i turisti «slow»
Crudo e bio
«La ri-evoluzione
del cioccolato»
Il piccione dello chef
Buffo fa volare
il «12 Apostoli»
Fondente o no,
è l'ora degli artisti
nell'uovo di Pasqua