31 marzo 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Prodotti & Mercato

23.11.2018

Il bello del bollito?
Tagli diversi
in equilibrio

Bollito e pearà, piatto delle feste
Bollito e pearà, piatto delle feste

La pearà è la salsa regina per accompagnare il bollito. Nell’Ottocento piatto dei poveri (era l’unico mezzo per sfruttare «gli ossi» e i tagli poveri della carne, come la testina, lo zampino, la lingua e la coda di vitello e la gallina «vecchia»), oggi è arricchito da altri tagli di carne come punta di petto, costata (reale) coscia, spalla, noce (muscolo), sottopancia. Sono proprio tagli diversi, assicurano i cuochi impegnati alla Fiera del Bollito con la Pearà, che insieme assicurano il giusto equilibrio di magro e grasso, tenerezza e consistenza, sapore tenue e deciso e che fanno la grandezza del bollito. Come spiega un macellaio locale, «la carne del bollito non deve essere troppo magra, ma bisogna abbia un po’ di cartilagine, il tessuto connettivo che volgarmente chiamiamo gelatina. Questo elemento infatti dà sia la morbidezza sia un sapore più intenso. I tagli più adatti», continua, «sono quindi quelli del cosiddetto quarto anteriore: muscoli, braciola e taglio reale». Diverso, invece, il discorso per la lingua. «È una parte molto delicata, e deve essere freschissima». Per il cotechino «il segreto sono la cotenna e le cartilagini». Nel Veronese il bollito di carni miste con pearà, è il piatto delle grandi feste per eccellenza. GLI INGREDIENTI (per 4 persone): un chilogrammo di manzo/vitello, una gallina ruspante, mezzo chilogrammo di testina di vitello, un cotechino, mezzo chilogrammo di lingua salmistrata, una carota, mezzo chilogrammo di cipolle, un sedano, sale q.b. Fate bollire la gallina e il manzo (preferibilmente la coscia) assieme alla carota, alla cipolla e al sedano fino a perfetta cottura delle carni. A parte preparate il cotechino, la testina di vitello e la lingua: separatamente verranno fatti bollire in acqua, facendo attenzione di mantenere intatto il budello del cotechino e ricordandosi che l’acqua in cui fate bollire la lingua deve essere cambiata almeno una volta durante la cottura. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Clima ed evoluzione stilistica: peculiarità dell’appassimento
I nuovi «cuochi contadini» ambasciatori del territorio
Consorzio Lugana, Bottarel direttore
Gocce di latte
Latte, tutte le fake news sull'intolleranza
La tristezza
si combatte
con un infuso
La tisana ideale
per ognuno? Ecco
la «top five» degli infusi
Surgelati e congelati
Tutte le fake news
e i falsi miti
I trend del 2019
sulle nostre tavole?
Una cucina «pacifica»
Light e casalinghi
I dolci "amici"
della silhouette
Non solo tè delle 5
Ora spopola
il “wonderful time”
Operazione riciclo
Nuova vita al cibo
avanzato a Natale
«Inventare ricette
di riciclo per non
sprecare gli alimenti»
Pranzo di Natale
Lo chef: «Gli errori
da non commettere»
Meglio pandoro
o panettone?
È derby di Natale
Rosso, stagionato,
verde o fermentato
Un rito fai da... tè
Calamaro d'inverno
Quello all'istriana
è piatto di Natale
La pearà "della nonna"?
«Cuocere tanto
e mescolare poco»
Il bello del bollito?
Tagli diversi
in equilibrio
Funghi "stellati"
Sempre più
apprezzati dagli chef
Il futuro è servito
ai giovani
con gli chef 2.0
Castagne, di nuovo
alla ribalta dopo
il rischio estinzione
Le caldarroste
perfette si preparano
anche nel forno
Chi la intaglia
per Halloween
e chi ci fa la birra
La pasta? "Buona
perché nutriente,
ecologica e solidale"
Sapori d’autunno
I 12 cibi alleati
del buonumore
Happy hour nipponico
In Italia è febbre
da Izakaya
Il cibo del cuore
Tra i primi ricordi
c'è un piatto di pasta
«Nemico» fragrante
La crosta del pane
fa invecchiare
Brindisi ai Top 100
con la Guida dei vini
firmata L’Arena
Basta abbuffate
agli happy hour
Boom dell'aperilight
Perbellini a 5 stelle
Lo chef apre
in Medio Oriente
Pret à manger
In Italia è boom
del cibo pronto
Ordinare "veg"
non è virile
L'uomo lo evita
Degustazioni
e storie in rosa
Il vino al femminile
Pesce senza bugie
Il vademecum
anti-bufale
Fornelli, addio!
La cucina fire-free
fa proseliti
Scuola di sommelier
Al via sei corsi
a Verona e provincia
Grigliata perfetta?
"Carne fuori frigo
e olio all'inizio"
Prosciutto&melone
"stella" in tavola
Ippocrate docet
Il pic-nic?
Bon ton. Ecco
il suo "galateo"
"Guten appetit!"
La Germania a tavola
che non ti aspetti
Patate, wurstel
e crauti: varianti
dei piatti del cuore
Cibo tracciabile
Un Qr code
scongiura le frodi
Pizza fai da te?
"Attenzione a tempi
e ingredienti"
Stop a latte e uova
Per coni e coppette
è boom del vegano
«Oscar» del vino
Premiato il top
dell'enoturismo
Brioche un corno
Come riconoscere
il vero croissant
Vini veronesi sul podio a Merano con gli Amarone Masi e Ferragù
Dal “foraging”
ai fermentati
Cucina no limits
I vini meno noti?
Raccontati
in una “scatola”
Boom dai campi
ai negozi: Italia
patria del bio
Pesce e pollo,
la svolta bio
«Sani e di qualità»
Scorpacciata
di tintarella?
I cibi abbronzanti
Non solo maionese
Anche carne e ortaggi
sorvegliati speciali
Pasta, cucinarla
a fuoco spento
è più salutare
Pasta, annata
e provenienza
fanno la differenza
«No alla plastica,
sì al buio». Così
si conserva l’olio
Eventi in vigna
Un weekend
di Cantine Aperte
Turisti stranieri
Nessun veronese
tra i vini preferiti
Ristoranti tipici,
la "rete" debutta
con l'asparago
Sempre più glamour
e social, imperversa
la pic-nic mania
«Spicchi» e campioni
Verona è (seconda)
capitale della pizza
Bardolino,
un intero borgo
per i turisti «slow»
Crudo e bio
«La ri-evoluzione
del cioccolato»
Il piccione dello chef
Buffo fa volare
il «12 Apostoli»
Fondente o no,
è l'ora degli artisti
nell'uovo di Pasqua