17 agosto 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Economia

06.09.2013

La vendemmia nel veronese sotto il segno dell'ottimismo

Fregolent, Bussi e Bertolazzi al Focus vendemmiale a Soave di ieri
Fregolent, Bussi e Bertolazzi al Focus vendemmiale a Soave di ieri

Un'annata climaticamente molto difficile per la vite, ma se settembre si manterrà favorevole, il risultato della vendemmia sarà comunque buono. È quanto emerso ieri durante il tradizionale appuntamento con il «Focus sulla Vendemmia 2013», organizzato dall'Assoenologi sezione Veneto Occidentale a Borgo Rocca Sveva di Soave. Un'annata caratterizzata da un primo semestre freddo e piovoso e da un'estate iniziata tardi, calda e secca, come ha ricordato Luigino Bertolazzi presidente della sezione di Assoenologi introducendo l'incontro moderato dal giornalista dell'Arena Lucio Bussi, che è stato l'occasione per presentare i dati delle denominazioni scaligere (dal Bardolino al Custoza, dal Valpolicella al Soave - e quelle dei Colli Berici e Vicentini.
Un incontro tecnico anche con le novità legislative in materia vitivinicola presentate da Gianluca Fregolent direttore dell'ufficio Icqrf (la repressione frodi) di Conegliano.
«Avremo vini meno strutturati, ma più profumati e più aderenti alla tradizione veneta e veronese», ha sintetizzato Bertolazzi. «Un'annata paragonabile a quelle che si registravano quindici, venti anni fa», ha detto Diego Tomasi del Cra Conegliano per il Consorzio del Soave, «ma se il clima che ha caratterizzato questi mesi si fosse manifestato allora non ci sarebbero stati viticoltori preparati, capaci di superare le difficoltà».
Per quanto riguarda il Soave, Tomasi ha parlato di «un'annata che ha messo a dura prova la sopportazione della vite al clima. Ma ci ha permesso di scoprire come la garganega sia una varietà molto “plastica”, capace di grande adattabilità. Non definirei eccezionale questa annata, ma di sicuro sarà caratterizzata da vini un po' meno alcolici, freschi, con note fruttate fresche e floreali».
Ottimistiche anche le aspettative per il Valpolicella: «La vendemmia sarà in ritardo di quindici giorni rispetto al 2012», ha spiegato Renzo Caobelli, del Consorzio Vini Valpolicella, «ma le uve sono sane, hanno resistito alle infezioni legate alla piovosità della scorsa primavera e alla botta di calore improvvisa dell'estate e ora stanno ultimando la maturazione. Se nelle prossime due settimane il tempo sarà buono come sembra, la vendemmia sarà eccezionale». I monitoraggi hanno infatti rilevato una crescita veloce dell'accumulo di sostanze fenoliche, «e se continuerà così avremo delle uve caratterizzate da ottimi profumi», ha detto Caobelli.
Anche per l´area dei Colli Berici sarà una buona stagione, che segue a due annate di siccità che avevano ridotto la produzione. «Invece quest'anno il segno è positivo», ha spiegato Mirko Trevisi, di Collis-Veneto Wine Group. «Parliamo di un +25% per il Cabernet e i rossi di collina e un +10% per le altre varietà. Anche la qualità sarà ottima: i bianchi caratterizzati da freschezza, mentre per i rossi raggiungeremo una qualità eccellente se settembre si manterrà asciutto».
Produzione in calo invece per il Custoza e il Bardolino, ma non per ragioni climatiche. «Un calo fisiologico», lo ha definito Duilio Porro, della Fondazione Edmund Mach San Michele all´Adige, «legato alle decisioni politiche dei due Consorzi, che hanno ridotto la quantità di uve per ettaro: -10% per il Custoza e -12% per il Bardolino. Ma la qualità sarà migliore».
Sul fronte delle quotazioni di mercato, ha spiegato a margine dell'incontro Bruno Trentini, direttore generale Cantina di Soave, «per le uve del Soave e del Valpolicella ci manterremo sui valori del 2012. Un'ottima notizia, se si considera che veniamo da un'annata record dei prezzi».

Francesca Lorandi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1