23 settembre 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Exhibition

14.01.2010

Foto dipinte dall'automobile e i paesaggi celebri rivisitati

PISANELLO Oli su tela di Francesca Tiso Mora dai colori psichedelici nella mostra Notturni urbani, aperta fino al 24 gennaio (tutti i giorni dalle 16 alle 19.30, escluso lunedì) allo Spazioarte Pisanello, presentata da Camilla Bertoni. La città indagata con la lanterna magica delle insegne al neon, dei lampioni, dei fari. Le strade viste all'abitacolo di un'automobile, i palazzi, i distributori di benzina. Su una base fotografica (che si intuisce più che rilevarsi), una distesa di pennellate nervose. L'artista riesce a esprimere il senso dell'andare, di addentrarsi senza timore in luoghi che, se di giorno hanno l'ipotetico sostegno della prevedibilità, nell'oscurità appaiono sconosciuti, spopolati.
MERIDIANA Il rigore figurativo di Luigi Menin torna anche quest'anno, fino al 22 gennaio (tutti i giorni dalle 16 alle 20) alla galleria La Meridiana, con la nitidezza di Piccoli paesaggi. Le vedute illustrate con colori puliti e con fedeltà minuziosa si ispirano a luoghi turistici molto conosciuti, ma l'artista vi coglie una dimensione di personale poesia per cui ogni particolare sembra nuovo. Insolite sono le grandi barche in primo piano che contemporaneamente trascinano verso il mare o l'acqua di lago, e invitano a conoscere i paesi della costa. Le case di Riomaggiore, di Santorini, di Procida sono un gioco di cubi, di parallelepipedi, di cupole sovrapposti in una atmosfera solare e trasparente. Il Castello di Sirmione perde il suo impatto di fortezza per essere regno di fantasie fiabesche. Burano si focalizza in uno scarno, misterioso ponte che allude alla suggestione dell'isola. Roma è raccontata con la classicità corrosa dei sui Fori e con la maestosità della fontana di piazza Navona.
GHELFI La galleria d'arte Giorgio Ghelfi preannuncia la mostra Appel e Lindstrom - Due artisti a confronto, che sarà aperta dal 20 febbraio al 30 marzo (martedì-sabato ore 10-13 e 16-20, lunedì 16-20) in piazza Erbe 31. Una pittura inquieta che indaga sulle realtà artistiche europee ed americane del XX secolo. La mostra, a cura di Nicoletta Colombo e di Giorgio Ghelfi, presenterà 30 opere a olio e a tecnica acrilica significative della sintonia dei due autori nell'interpretare gli sconvolgimenti materiali e psicologici del mondo moderno.
INCONTRO I prodotti della natura, con i loro colori e le forme sempre diverse, sono sorgente di ispirazione per Patrizia Pezzin, pittrice veronese, che espone le sue nature morte alla galleria d'arte L'Incontro dal 23 gennaio al 4 febbraio. Con il titolo Bothanica, una ventina di oli su tela raffigurano fiori e frutti irrompenti dal buio, come colpiti dalla luce di un faro. Le immagini sono di una precisione fotografica, ma mai rigide e impersonali. Cultrice delle decorazioni su intonaco e studiosa della pittura rinascimentale, l'artista attinge ai grandi maestri .

Vera Meneguzzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1