lunedì, 24 febbraio 2020
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

16.01.2020 Tags: Sanremo , Sanremo 2020 , festival di Sanremo , Diletta Leotta , Amadeus , Ariston

Diletta Leotta: «L'Ariston sarà come San Siro o il Bernabeu»

«L'Ariston sarà il mio stadio. Mi sentirò come a San Siro o al Bernabeu, quello sarà il mio stadio e, per la prima volta, avrò la possibilità di passare da bordo campo direttamente in campo, sperando di poter essere un buon centravanti». Così Diletta Leotta, volto televisivo del calcio prima per Sky poi per Dazn, si prepara a tornare a Sanremo, stavolta tra le "regine" del festival. «In questo caso i calciatori siamo noi donne e scenderemo in campo con il mister Amadeus, che ci guiderà nel modo migliore». Amadeus è interista... «Io sarò imparziale e poi ci sarà Georgina, la compagna di Ronaldo, per assicurare la quota bianconera», che farà rivivere la sfida scudetto. 

 

Il 70° Festival di Sanremo sarà anche una celebrazione della figura femminile in cui Diletta esclude che ci sarà gara ad essere la "prima donna". «Nasceranno amicizie, non ci saranno sfide tra noi. Sono contenta, ci sono tante donne con sfaccettature molto diverse l'una dall'altra. Sono particolarmente felice per la presenza di Antonella Clerici che mi ha dato un sacco di consigli e mi ha fatto da Cicerone a Sanremo, un palco che conosce molto bene».

E poi c'è Rula Jebreal, che arriva dopo tante polemiche. «È una donna forte e coraggiosa. Sono molto contenta di aprire Sanremo con lei». Diletta, il calcio, la tv e la musica... quale preferisce? «Faccio radio da tre anni e ascolto tantissimo la musica che va in onda in radio. Qui a Sanremo devo essere imparziale, non posso sbilanciarmi troppo».

 

Amadeus con alcune delle donne che saliranno sul palco dell'Ariston

 

Che Diletta sia già la beniamina di questo Festival lo dimostra anche il fatto che tutti la cercano. Finita la conferenza stampa di presentazione del Festival subisce un vero e proprio assalto da giornalisti, fotografi, cineoperatori e addetti ai lavori, magari solo per un selfie. «Volevo mangiare una pizzetta, ma non ce l'ho ancora fatta - dice con ironia - ma tanta attenzione mi inorgoglisce. Non vedo l'ora di cominciare questa avventura, di godere di tutto questo entusiasmo, di farmi trasportare da questa onda bellissima. Sono felice anche perché da oggi posso parlare di questo: finora non l'ho fatto, da ora potrò rispondere a tutti i messaggi che mi sono arrivati in queste settimane».

L'assalto si attenua, c'è il tempo per una pizzetta, un pasticcino, un calice di bollicine. Ora per Diletta scatta la lunga vigilia verso la discesa in campo all'Ariston: la maglia da titolare l'ha già conquistata. Non le resta che aspettare il fischio d'inizio.

 

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie