<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Volley, superlega

Impresa Rana Verona! Espugna Perugia dopo una lotta furibonda

La festa del Verona Volley a Perugia
La festa del Verona Volley a Perugia
La festa del Verona Volley a Perugia
La festa del Verona Volley a Perugia

Che partita al Pala Barton. Rana Verona porta a casa una vittoria insperata, ma inseguita con grandissima determinazione su uno dei campi più insidiosi del mondo.

In due ore e un quarto di lotta furibonda, gli uomini di coach Stoytchev riescono a tener testa alla Sir Susa Vim Perugia, chiudendo al tie-break una partita emozionante grazie a un Rok Mozic tornato quello dei tempi migliori, best scorer con 20 punti, 2 ace e 3 muri. Oltre a lui, uno straordinario Szavoronok, come sempre pauroso dai 9 metri ma, nel pomeriggio di Perugia, protagonista anche sotto rete con 2 degli 11 muri che hanno fatto la differenza.

Il match parte subito in positivo per Verona, efficiente in battuta in un primo set in cui i gialloblù tengono sempre la testa avanti, senza concedere nulla ai padroni di casa e senza farsi spaventare dal logorante testa a testa. Dzavoronok firma l’attacco vincente, Verona si permette di sognare contro la seconda forza del campionato, pur trovandosi a inseguire nel secondo parziale, soffrendo i muri perugini e chiudendo in parità.

Non è finita, però: il terzo parziale è un’autentica apoteosi gialloblù, che chiudono a +9 con un’efficacia in attacco da lasciare sbalorditi. Stavolta il block lavora in favore di Verona, che con una marea di set ball a disposizione decide il set proprio col muro-punto di Grozdanov. 

Il quarto parziale diventa una lotta furibonda. Tutta la classe di Perugia emerge nei suoi uomini di riferimento, da Leon (parlano chiaro i 19 punti, 2 ace e 4 muri) a Semeniuk (17 punti) che trova i punti vincenti nel cuore del set, creando uno stacco che fa perdere la bussola a Verona.

Perugia-Verona, il punto decisivo

L’ace di Leon porta le squadre al tie-break, che comincia con Verona in vantaggio. Decisivo il muro di Spirito per arrivare al primo match ball. Perugia, naturalmente, non vuole arrendersi, recupera due punti con Leon e mette paura. La chiude Keita, con tutta la sua grinta, e Rana Verona può esplodere di gioia.

 

FINALE: SIR SUSA VIM PERUGIA – RANA VERONA 2-3 (20-25; 25-21; 14-25; 25-17; 13-15)

Francesca Castagna

Suggerimenti