Tredicesima edizione

Trofeo Zenato, 150 golfisti in una gara di alto livello

Premiazioni del trofeo Zenato di golf
Premiazioni del trofeo Zenato di golf
Premiazioni del trofeo Zenato di golf
Premiazioni del trofeo Zenato di golf

Festa doveva essere e festa è stata. E che festa. La tredicesima edizione del trofeo «Lugana Riserva Sergio Zenato» va in archivio come, probabilmente, una delle più belle e divertenti andate in scena al Paradiso del Garda di Peschiera. Numero importante di partecipanti, almeno 150 i golfisti al via, campo in perfette condizioni, clima spettacolare, la verve, la simpatia, la capacità di fare spettacolo del direttore del circolo gardesano Massimiliano Bisogni che ha reso le premiazioni un evento unico. Insomma tutti contenti, sorridenti e felici per un'altra edizione del Zenato da ricordare.

Un trofeo che, anno dopo anno, è divenuto un appuntamento imperdibile nel ricco panorama di gare della stagione golfistica scaligera. Sotto il profilo sportivo si è assistito ad una competizione di assoluto livello. In Prima categoria successo per il portacolori del St Vigil Seis di Castelrotto, Bolzano, Andrea Saccani in grado di avere la meglio su Giampietro Vesentini. Giocatori di casa protagonisti in Seconda e nel lordo. Edoardo Luigi Girelli mette infatti tutti in fila nel lordo mentre in Seconda è Denis Gatti che vince il derby con Claudio Bini. In Terza si parla ancora veronese grazie a Giampietro De Grandis, Villa Giusti, che tiene a distanza Luca Cazzador, Paradiso. Primo seniores altro rappresentante del circolo di casa, Giovanni Oliosi mentre la prima lady è Elena Maria Rossanigo, Crema.

Massimiliano Bisogni, autentico mattatore durante le premiazioni, sottolinea come «il trofeo Zenato è l'emblema di come dovrebbe essere il golf oggi. Un'azienda importante del territorio che crede nel messaggio del golf come promozione del marchio, un circolo pieno di entusiasmo con tante persone presenti all'atto finale. È stata una giornata bellissima».

Sandro Benedetti

Suggerimenti