Il ricorso per l'esclusione dalla B

Il Consiglio di Stato boccia il Chievo. Resta un'ultima spiaggia, ma ci vogliono anni

Lo scorso 6 ottobre il Consiglio di Stato aveva ascoltato le ragioni del Chievo, illustrate dall’avvocato Stefano de Bosio
Luca Campedelli, presidente del Chievo
Luca Campedelli, presidente del Chievo
Luca Campedelli, presidente del Chievo
Luca Campedelli, presidente del Chievo

Il Consiglio di Stato ha rigettato il ricorso del Chievo, dopo la bocciatura del Tar e prima ancora dei vari gradi della Giustizia Sportiva con conseguente esclusione al campionato di Serie B della scorsa stagione per inadempimenti col fisco.

I curatori fallimentari potrebbero decidere di continuare la battaglia legale alla Corte Europea dei diritti dell’uomo o rivolgersi alla Corte di Cassazione. Per l’eventuale sentenza, in entrambi i casi, ci vorrebbero almeno un paio d’anni.

Alesssandro De Pietro

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati