Mago Rosselli re dell’assist E Anderson rincorre Sabin

Karvel Anderson grande protagonista nella gara vinta a Chiusi  FOTOEXPRESS
Karvel Anderson grande protagonista nella gara vinta a Chiusi FOTOEXPRESS
Karvel Anderson grande protagonista nella gara vinta a Chiusi  FOTOEXPRESS
Karvel Anderson grande protagonista nella gara vinta a Chiusi FOTOEXPRESS

«Se torturi i numeri abbastanza a lungo, confesseranno qualsiasi cosa» osservava lo scrittore ed editore americano Gregg Easterborook. Ha ragione lui. I numeri di Guido Rosselli e Karvel Anderson hanno molto da raccontare. Il Mago di Empoli ha manifestato la sua eterna grandezza nel momento (potenzialmente) più cupo di Verona. L’infermeria continuava ad accogliere nuovi avventori. E Guido, capitano coraggioso e a volte lupo solitario, si metteva ad offrire colpi da prestigiatore. Per le genti, per la Tezenis, per se stesso. Oggi Rosselli, 38 anni da ricordare, è anima e guida carismatica di Verona. Troppo facile suggerire la battuta: chi comanda (in senso nobile) alla Scaligera? Facile, guida Guido. Oggi Rosselli è il re dell’assist nel girone Rosso. Ne dispensa, ne ha dispensati, ne dispenserà. Questo è poco ma sicuro. Oggi Guidone viaggia con 5.8 assist a gara, 46 distribuiti in otto gare di magie e lucide follie da campione consumato. Dietro di lui Lester Medford, incontrato e battuto nella sfida di domenica a Chiusi, che si attesta a 4.4. Ma Rosselli non è solo «pennellatore» magico. Sotto canestro la sua energia, fin qui, non è mai mancata alla causa gialloblù. E anche qui i numeri rivelano tante cose. Per media rimbalzi, Rosselli è terzo assoluto con 8.8. Al comando resta Jeremiah Wilson, pure lui affrontato domenica nella sfida di Chiusi, che porta a casa 11.4 rimbalzi a partita. Rosselli scala di un posto la classifica passando alla media rimbalzi difensivi: 7.0, e al comando resta sempre Wilson con 8.6 E poi c’è Karvel Anderson. Straordinario nella vittoria in terra toscana contro l’Umana. Di nuovo top scorer, dopo il passaggio a vuoto (l’unico significativo nelle prime otto gare della stagione) accusato nella gara casalinga contro l’Atlante Roma. Anderson, a Chiusi ha chiuso con 29 punti. Insistendo molto dal campo, non facendosi affossare dagli errori, trovando modo di uscire dalla forte pressione esercitata su di lui dalle difese dei toscani. Oggi Anderson è secondo bomber del girone Rosso. La palma di migliore gli è stata sottratta da Ty Sabin, guardia Usa di San Severo. Il tiratore del club pugliese viaggia 21.3 punti gara. Dietro c’è subito Anderson con 19.9. Sul campo Sabin ha timbrato 170 punti, mentre Karvel a oggi è fermo a 159. Sul gradino più basso del podio, a 156 c’è invece Dwayne Davis di Fabriano. Poi, nel leggere le statistiche risulta fondamentale anche peso specifico, centralità e richieste specifiche che accompagnano il viaggio di questi “cecchini“. E a Verona, per dire, Ramagli chiede ad Anderson grande condivisione, impatto difensivo di energia, ed un intelligente senso collaborativo dentro ai momenti difficili della squadra. A chiudere, per media minuti, Anderson con 33-3 è secondo solo all’ex Scaligera Jazz Ferguson (Nardò), che fin qui è rimasto in campo di media 34.3 minuti.•.