Il funerale a Torino

L'ultimo saluto a Claudio Garella: «È stato molto di più di un calciatore»

L'ultimo saluto a Claudio Garella (Fotoexpress)
L'ultimo saluto a Claudio Garella (Fotoexpress)
Funerale di Claudio Garella (FOTOEXPRESS)

Questa mattina, alle 9.30, l'ultimo saluto a Claudio Garella nella chiesa della Gran Madre di Torino adagiata sulle sponde del Po.

A 67 anni se n’è andato «Garellik», grande portiere protagonista dello scudetto con la maglia del Verona, nel 1984/85 e fra i pali del Napoli di Maradona nel 1986/87. Un’autentica leggenda della storia dell'Hellas Verona, un atleta e un uomo entrato nel cuore dei veronesi. 

Proprio in questa chiesa, Garella aveva sposato la moglie Laura. Folta la delegazione del Verona dello scudetto con un Galderisi molto commosso, capitan Tricella, Domenico Volpati e anche Pierino Fanna che quando ha incrociato lo sguardo di Laura è scoppiato in lacrime. Tanta commozione, presente anche una delegazione dell'Hellas Verona con il team manager Sandro Mazzola e il direttore sportivo Francesco Marrocu.

Leggi anche
L'ultima parata di Claudio Garella, il portiere dello scudetto è morto a 67 anni

Don Paolo Fini ha celebrato il rito funebre: «Claudio non era solo un calciatore, ha dato qualcosa di più di sé stesso al gruppo e alla società, la sua dolcezza nello sport e nella vita. Questo ci fa ricordare Claudio Garella, con grande tristezza perché non è più con noi, ma anche con una segreta e formidabile speranza che signore gli aprirà le porte del paradiso, quelle porte che lui nel suo sport ha cercato di tenere chiuse facendo il portiere. Vogliamo ricordarlo così per la bella persona che è stato».

I funerali di Garella e il ricordo dei compagni dello scudetto (Fotoexpress)

 

IL RICORDO DEI COMPAGNI

«Aveva la pazzia del portiere, ma quell'indole torinese che lo frenava», lo ricorda Roberto Tricella, a lungo suo compagno di stanza. «Una bella persona, come dimostra la famiglia». «Una persona meravigliosa, il nostro compagnone», l'omaggio di Domenico Volpati e Giuseppe Galderisi, presenti assieme a Piero Fanna all'ultimo saluto al grande «Garellik».

Gianluca Tavellin