LE PAGELLE

Hellas-Juve, molte sufficienze: Terracciano sorprende, Djuric e Kallon sono ok

Doig in azione sulla fascia sinistra (FOTOEXPRESS)
Doig in azione sulla fascia sinistra (FOTOEXPRESS)
Doig in azione sulla fascia sinistra (FOTOEXPRESS)
Doig in azione sulla fascia sinistra (FOTOEXPRESS)

Piace il Verona dei giovani mandato in campo da Bocchetti in Verona-Juventus. Ecco le nostre pagelle

6 MONTIPÒ Il portiere essendo in caduta non può smanacciare con maggior forza la conclusione di Kean. E’ molto attento su un tiro dal limite di Locatelli. Bravo anche in un’uscita alta a sbrogliare la matassa che si era creata davanti alla propria porta. Lorenzo è disperato perché non riesce a chiudere un match senza subire gol.

5.5 DAWIDOWICZ Il polacco è sfortunato protagonista del rigore non concesso ma si trovava in zona per farsi perdonare. Si perde Milik in occasione della rete di Kean. Cuore e impegno per Pawel non bastano.

5,5 HIEN Gioca una gara esemplare, quasi da sette. Commette però al quarto d’ora della ripresa un errore grossolano regalando palla in uscita alla Juve. Da quell’amnesia, scaturirà il gol partita.

Leggi anche
Il Verona protesta per il rigore non dato. Bocchetti: «Trattati da zimbelli della Serie A»


6 CECCHERINI Sta col freno a mano tirato per molto tempo. Vuole finalmente mantenere la porta del Verona inviolata. E’ pericoloso sui tiri dalla bandierina con un paio di spizzicate che non vanno a buon fine.

6 DOIG Lo scozzese ha tra i clienti più brutti della serata. Cuadrado invece non gli procura grossi problemi. Merito del suo atteggiamento. Quando può scioglie i cavalli del proprio motore. Un ragazzo ritrovato dopo i problemi di natura muscolare.

6,5 HONGLA Sarà la fresca convocazione nel Camerun per il mondiale qatarino o il giovane Sulemana come spalla in mezzo ma Martin resuscita. Cambia marcia in più di un’occasione. Ha la palla buona ma la spreca con un piatto inspiegabile.

6 SULEMANA Il bocia c’è. Entra con grande personalità e si piazza sul Campione d’Europa Locatelli. Il numero 5 bianconero non riesce a far gioco. Il classe 2003 gli concede un’unica giocata ma in quel caso ci pensa Montipò. Ibrahim spreca una ghiotta opportunità a tu per tu con Perin, anche se sembrava fuorigioco.

6,5 KALLON Nel primo tempo appare tarantolato. Si prende gioco di avversari più quotati come Cuadrado o Danilo. E’ una spina nel fianco della difesa juventina. Cala un po’ alla distanza ma si è guadagnato ampiamente la pagnotta.

6 DJURIC Il gigante è molto bravo. Innanzitutto alza il tasso di interdizione aerea quando la Juve diventa pericolosa su palla inattiva e poi gioca di sponda per i compagni. Meritava questa chance dall’inizio. Un suo tiro a botta sicura viene respinto da Bonucci.

6 LASAGNA Il Kevin che non t’aspetti. Vuole il gol e ci prova perfino di destro. Nel finale fa espellere Alex Sandro. Un’iniezione di fiducia in vista della partita verità con lo Spezia.

6 VELOSO Il capitano subentra al bocia Sulemana. Si fa apprezzare subito per due verticalizzazioni importanti con Lazovic, anch’egli entrato da poco nella contesa. Va a protestare con Di Bello e si becca un giallo. Già si vedeva sul dischetto del rigore regalare al Verona il gol del pari.

6 LAZOVIC Entra bene in gara. Combina con Verdi e mette in mezzo palloni interessanti. Basterebbe avere Kalinic e non l’ottimo Simeone, sarebbe un’altra musica.



5,5 VERDI La voglia è tanta come il cuore. Verticalizzazione da maestro sulla sinistra ma due tiri fuori di molto dallo specchio della porta.

6 HENRY Entra col piglio giusto. Merita la sufficienza.

6 GUNTER Il difensore dà il pallone in profondità a Lasagna che poi viene atterrato da Alex Sandro. Sufficiente il suo impatto sulla gara.

6 BOCCHETTI Qualcuno che non conosce le cose dell’Hellas lo vorrebbe già avvicendato con Cioffi ma è fantascienza più che fantacalcio. Eppure le cinque sconfitte di fila pesano. Coraggioso e previdente in vista dello Spezia nel primo tempo. A questa squadra manca il gol. 

Gianluca Tavellin
gianluca.tavellin@larena.it

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati