se ne è andato «garellik»

L'ultima parata di Claudio Garella, il portiere dello scudetto è morto a 67 anni

Claudio Garella e Hans Peter Briegel escono felici dopo la vittoria per 2-1 in casa del Torino
Claudio Garella e Hans Peter Briegel escono felici dopo la vittoria per 2-1 in casa del Torino
Addio a Claudio Garella

È morto nella notte Claudio Garella, aveva 67 anni. È deceduto per problematiche cardiache in seguito a un intervento chirurgico.

Garella è stato il portiere del Verona dello scudetto. In gialloblù ha giocato per quattro anni, collezionando oltre cento presenze.  Dopo l'esperienza all'Hellas di Bagnoli passò al Napoli conquistando il primo scudetto dei partenopei. 

 

Leggi anche
Garellik: Bagnoli, la gommapiuma e le parate impossibili. «Ci mancherai, Claudio»

 

L'avvocato Gianni Agnelli lo definì: «L'unico portiere che parava senza mani». Famose, infatti, le sue respinte con i piedi. Dopo un inizio negativo nella Lazio, il numero uno piemontese trovò la continuità di rendimento nella Sampdoria ma, soprattutto, nel Verona. In gialloblù viene ricordato per la straordinaria partita all'Olimpico nell'anno dello scudetto contro la Roma dove parò l'impossibile. Per lui la parata più importante della sua vita fu quella a San Siro contro il Milan su colpo di testa di Hateley. 

 

QUI LA VIDEO INTERVISTA IN OCCASIONE DEI 25 ANNI DELLO SCUDETTO

Gianluca Tavellin