Verona-Genoa 3-3

Tudor: «Quel gol alla fine mi ha fatto capire che gente ho nello spogliatoio»

Kalinic con Tudor (Fotoexpress)
Kalinic con Tudor (Fotoexpress)
Kalinic con Tudor (Fotoexpress)
Kalinic con Tudor (Fotoexpress)

«Siamo partiti bene, cinque punti in sei giorni, guardiamo con ottimismo al futuro. I ragazzi sono stati bravi a non mollare per andare a prendere almeno a quel punto. Non vai a pareggiare se non hai un gruppo di gente in gamba». Così Igor Tudor dopo il pari del Verona a Genoa

«Dopo quel pareggio ho capito che gente ho nello spogliatoio. Poi c'è stato un calo di concentrazione della squadra: abbiamo concesso due contropiedi e ci siamo fatti trovare impreparati. Il rigore di Dawidowicz? Non c'era, era la sua normale corsa». 

 

A fine gara ha parlato anche Giovanni Simeone

«Sono contento del gol, ma io non sono uno che sta fermo in area ad aspettare la palla. La mia versione migliore è aiutare i compagni»

«Tutti i giorni si può migliorare e non bisogna mai mollare: sono i due concetti principali che mi hanno trasmesso mio padre. Martedì, se il mister mi lascerà lo andrò a vedere a San Siro».