Hellas Verona

Film su Jorginho: il Chelsea al Bentegodi e in Arena

Rafael racconta Jorginho  L’ex portiere gialloblù intervistato al Bentegodi
Rafael racconta Jorginho L’ex portiere gialloblù intervistato al Bentegodi
Rafael racconta Jorginho  L’ex portiere gialloblù intervistato al Bentegodi
Rafael racconta Jorginho L’ex portiere gialloblù intervistato al Bentegodi

Oggi, o al massimo domani, Antonin Barak dovrebbe rientrare in gruppo. Un'addizione importante verso la gara contro l’Atalanta. Il talento ceco sta smaltendo i postumi di quella sindrome influenzale che l'aveva costretto al forfait con il Venezia. Antonin Barak è pronto a riprendersi il proprio posto da titolare nel cuore del Verona. In queste ore intanto fiato sospeso attorno a Pawel Dawidowicz.

Il difensore ieri è sceso a Roma per sottoporsi ad alcune visite specialistiche al ginocchio destro a Villa Stuart. Il difensore polacco aveva accusato il colpo nel finale del derby del Penzo, resistendo stoicamente sulla corsia per aiutare la squadra a salvaguardare il risultato. Il Verona confida in complicazioni non troppo gravi. Oggi il quadro potrebbe già essere più chiaro. Tra gli infortunati terapie per Nikola Kalinic e Koray Gunter. Non si è ancora negativizzato il centrocampista Martin Hongla, fuori dalla sfida di Genova con la Sampdoria. Lo spiraglio di luce infine riguarda Gianluca Frabotta. Il laterale ieri ha tolto il gesso dopo l’operazione al tendine d’achille destro dello scorso 4 novembre. Frabotta ha lavorato in palestra. Ieri la squadra ha iniziato a Peschiera la preparazione verso l’incontro con l’Atalanta, in programma domenica alle 15 sul terreno del Bentegodi. Oggi è prevista una seduta mattutina a porte chiuse.

 

L’amore per il calcio, la lontananza dal Brasile, gli amici, Verona, Napoli: e poi il sogno che si realizza, arrivando a vincere prima l’Europeo, poi la Champions League e salendo sul podio del Pallone d’Oro: la bellissima storia dell’ex gialloblù Jorginho diventerà un documentario, commissionato proprio dal Chelsea, che ha inviato una troupe a Verona per ripercorrere la sua vita tra il Bentegodi e l’Arena. Troupe che ieri era già in città, sulle tracce degli amici e delle persone che hanno contribuito a far crescere Jorginho come calciatore e come uomo. In particolare in mattinata l’appuntamento è stato allo stadio Bentegodi, con l’ex portiere del Verona e amico di Jorginho, Rafael. Anch’esso brasiliano, il portiere è stato un punto di riferimento importante per Jorginho, una sorta di simbolico fratello maggiore. Dopo lo stadio la troupe ha fatto anche delle riprese in centro città, per poi partire per Napoli ed incontrare altri amici del calciatore. Il documentario sarà visibile su tutti i canali del Chelsea, da Youtube ad Instagram, da gennaio. 

Alessio Faccincani