<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
le trattative

Simeone, l'ora della verità Hellas su Rugani e Ozkacar

di Alessio Faccincani
I gialloblù vogliono rinforzare la difesa. Ingaggio alto per il bianconero Il turco, di proprietà del Lione, ha ben figurato con i belgi del Leuven
Magnani sembra dispiaciuto dell'imminente partenza di Giovanni Simeone
Magnani sembra dispiaciuto dell'imminente partenza di Giovanni Simeone
Magnani sembra dispiaciuto dell'imminente partenza di Giovanni Simeone
Magnani sembra dispiaciuto dell'imminente partenza di Giovanni Simeone

Da rumors a trattativa il passo potrebbe essere breve. Il Verona spera in un gioco al rialzo. Tutto d'un tratto si è riacceso il mercato attorno al Cholito Simeone. Dopo una decina di giorni di stallo quasi assoluto, l'argentino è ritornato protagonista delle cronache con l'interessamento del Borussia Dortmund. Il club tedesco è alle prese con la delicata sostituzione del centravanti ivoriano Sebastien Haller, dopo la scoperta di un tumore ed il conseguente stop prolungato. I gialloneri hanno lanciato i primi segnali.

Simeone sarebbe soluzione gradita. Dalle parole però ora si dovrà giungere ai fatti. Il Borussia verso la fine della settimana potrebbe inserirsi con la prima vera accelerata alla trattativa.

L'Hellas attende con grande interesse. Nelle ultime settimane il Napoli è stato l'unico reale interlocutore. I partenopei avevano già spinto con l'entourage del giocatore, con cui è in ballo da tempo un accordo di massima.

Ora gli scenari però potrebbero cambiare. Se il Borussia accelerasse, tutto verrebbe rimesso in discussione. L'Hellas sarebbe il primo a giovarne con un rialzo della quotazione del giocatore. Lo stesso Simeone difficilmente potrebbe rimanere indifferente al fascino di una delle società più iconiche del calcio europeo.

Il Verona vorrebbe arrivare velocemente ad un lieto fine, considerando anche l'imminente esordio in campionato e proprio contro il Napoli del 15 agosto al Bentegodi con inizio alle 18,30.

Qualcosa si muove anche sul fronte di eventuali ingressi. Mister Gabriele Cioffi dopo il test contro la Cremonese è stato chiaro. «Ad oggi non siamo completi. Servono almeno altri tre colpi in entrata ma sono convinto arriveranno presto». In tal senso i profili accostati al Verona non mancano.

Nel reparto portieri la società sta valutando l'inserimento di un ulteriore estremo d'esperienza alle spalle di Lorenzo Montipò. Il prescelto potrebbe essere Simone Perilli, classe '95 svincolatosi pochi giorni fa dal Brescia. Una sua eventuale entrata aprirebbe le porte alla cessione in prestito del classe 2000 Mattia Chiesa. Le valutazioni sono in corso.

Nel reparto difensivo la pista più affascinante porta al centrale turco Cenk Ozkacar, di proprietà dei francesi dell'Olympique Lione. Nell'ultima stagione il classe 2000 ha ben figurato in Belgio con il Leuven, società da cui è partita la scalata al grande calcio anche dell'attuale attaccante dell'Hellas Thomas Henry.

A favore del turco anche le caratteristiche tecniche. Cenk Ozkacar andrebbe a colmare in rosa la lacuna del difensore di piede mancino, aggiungendosi a Bruno Amione.

Un altro nome ma più defilato è quello dello juventino Daniele Rugani. Il nodo in questo caso sarebbe l'ingaggio. Il centrale bianconero percepisce tre milioni di euro a stagione. Rugani sarebbe anche attratto da un ritorno a Empoli. A centrocampo dal Sudamerica è rilanciata con insistenza la candidatura di Jorman Campuzano, mediano colombiano del Boca Juniors. Nella Superliga argentina ha raccolto tre presenze, di cui due da titolare, sulle dieci gare complessive fin qui giocate in campionato. Ventisei anni e contratto in scadenza nel 2023. L'operazione non andrebbe oltre un esborso di tre milioni di euro.

 L'altro capitolo invece riguarda i giocatori fuori dal progetto tecnico di Gabriele Cioffi. I difensori Panagiotis Retsos e Mert Cetin ed il centrocampista polacco Mateusz Praszelik sono in attesa di una nuova sistemazione. Per tutti e tre le destinazioni principali riguardano il rispettivo mercato interno. Retsos è stato sondato dall'Asteras Tripolis, Cetin è stato offerto in Turchia e per Praszelik si profila un ritorno a casa.

Il Verona sta portando avanti queste trattative in silenzio, per evitare le manovre di disturbo degli altri club. Infine una nota dal settore giovanile. Nella prossima Under 15 ci sarà anche il siracusano Hermes Russo, classe 2008 in arrivo dall'Accademia Siracusa.

Suggerimenti