Sfida Hellas per gli ottavi Hongla, Ilic e Lazovic rivali in Serbia-Camerun

Ajdin Hrustic  è uno dei punti di forza dell’Australia. Al Verona da questa stagioneMartin Hongla spesso discusso all’Hellas è titolare nel Camerun
Ajdin Hrustic è uno dei punti di forza dell’Australia. Al Verona da questa stagioneMartin Hongla spesso discusso all’Hellas è titolare nel Camerun
Ajdin Hrustic  è uno dei punti di forza dell’Australia. Al Verona da questa stagioneMartin Hongla spesso discusso all’Hellas è titolare nel Camerun
Ajdin Hrustic è uno dei punti di forza dell’Australia. Al Verona da questa stagioneMartin Hongla spesso discusso all’Hellas è titolare nel Camerun

Martin Hongla. È lui il giocatore del Verona con più minutaggio finora al Campionato del Mondo in Qatar. Il regista del Camerun è partito nell’undici titolare dei «Leoni d’Africa» è rimasto in campo per sessantotto dei novanta minuti regolari contro la Svizzera, prima squadra che eliminò la nazionale di Roberto Mancini dalla corsa alla Coppa del Mondo. Hongla è rimasto in campo per una settantina di minuti partendo da titolare. Spesso criticato nel Verona, il calciatore prelevato dall’Anversa ancora nell’estate del 2021, non è mai riuscito a sfondare completamente nel Verona. Dopo una buona gara ne seguivano almeno un paio di anonime, tanto che nè Tudor, nè Cioffi prima di Bocchetti l’hanno impiegato con continuità. Sempre nel gruppo G vi sono altri due visi noti. Si tratta dei serbi Darko Lazovic e Ivan Ilic. Per loro una partenza in panchina contro il Brasile ed un ingresso in campo poco fortunato per entrambi. Ilic è entrato al ’57 e cinque minuti più tardi Richarlison ha portato in vantaggio i sudamericani, mentre Lazovic ha sostituito Mladenovic al ’66 e ancora l’attaccante del Tottenham è andato in gol sette minuti più tardi. Inutile dire che entrambi non hanno lasciato traccia. L’esperto esterno ha proseguito nel momento poco felice della sua stagione, mentre Ilic non lo si vedeva in campo col Verona dalla partita di Firenze, datata 16 settembre. Tre giorni dopo si sarebbe infortunato proprio giocando con la Serbia. L’australiano Chi ha avuto parecchi contrattempi in gialloblù è stato anche Ajdin Hrustic. Ingaggiato dall’Eintracht Francoforte, era in ritardo di condizione e poi si è infortunato. Non ha mai convinto sino in fondo nelle sue sette presenze con i gialloblù. La sua Australia è inserita nel girone D. In panchina con la Francia, Hrustic ha esordito nel Mondiale nel secondo incontro, quello vittorioso dei canguri contro la Tunisia. Il centrocampista dell’Hellas è entrato al sessantaquattresimo minuto di gioco, sostituendo Mc Gree. Qualche pallone ben giocato e tanta corsa per proteggere il vantaggio su misura dell’Australia. Sfida gialloblù Da compagni di squadra ad avversari. Questa mattina alle 11 infatti andrà in scena la gara tra Camerun e Serbia. Entrambe ko, dovranno cercare di fare punti per passare agli ottavi di finale. Da una parte Martin Hongla, dall’altra Darko Lazovic e Ivan Ilic. Per posizione in campo, tra l’altro, spesso potranno incrociare i guantoni. Domani invece toccherà all’Australia di Hrustic che chiuderà il girone giocando contro la Danimarca. Agli australiani basterà un punto per arrivare seconda in girone dominato dalla Francia capolista. È importante in questo turno finale la differenza reti per staccare il pass per gli ottavi. Le sorprese come è stato evidenziato finora, sono all’ordine del giorno. L’importante è che da questa mattina tutti i quattro calciatori del Verona, riescano a lasciare una traccia tangibile. Pezzo Pregiato Senza dubbio gli occhi di molti addetti ai lavori rimangono puntati su Ivan Ilic, prima riserva di un centrocampo dai piedi buoni e dalla grande capacità muscolare, come quello della Serbia. Il classe 2001, è stato acquistato dal Manchester City per una cifra di poco inferiore agli otto milioni di euro. L’Hellas la scorsa estate ne aveva rifiutati 16 dall’Atalanta. Ma su Ivan c’è pure la Lazio, che lo avrebbe individuato come giovane sostituto di Milinkovic-Savic, nel caso quest’ultimo venisse ceduto a giugno. Insomma, cari gialloblù, date un segnale in questo Mondiale, perchè sono in tanti ad attendervi e non solo gli operatori di mercato.•.

Gianluca Tavellin