<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Giovani

Colpaccio della Primavera dell'Hellas sul campo della Juve

Diao dell'Hellas Verona in azione
Diao dell'Hellas Verona in azione
Diao dell'Hellas Verona in azione
Diao dell'Hellas Verona in azione


La Primavera del Verona vince 3-2 a casa della Juventus, secondo successo in campionato dopo l’esordio col Lecce. In svantaggio (18’) per il facile tocco di Anghelè, il Verona trova il pari ad inizio di ripresa (2’) con un rasoterra di Calabrese ma è di nuovo sotto al 9’ per il rigore trasformato da Anghelè fischiato per il fallo dello stesso Calabrese su Turco.

In due minuti però l’Hellas rovescia la partita. Prima di puro opportunismo Diao (12’) firma il pari, poi (14’) Nwanege devia in porta un tocco di Calabrese. Sofferenza nel finale, ma l’Hellas resta lucido. E torna a casa con tre punti assai pesanti.

 


Il tabellino

Juventus (3-4-2-1): Vinarcik; Martinez, Bassino, Gil; Turco (15’st Savio), Florea, Owusu (15’st Boufandar), Pagnucco (29’st Firman); Finocchiaro (10’st Vacca), Anghelè; Pugno (29’st Crapisto). A disp.: Zelezny, Domanico, Giorgi, Grosso, Ngana, Scarpetta. All.: Montero.
Hellas Verona (3-5-1-1): Toniolo; Nwanege, Calabrese, Corradi; Patanè, Dalla Riva (29’st Szimionas), D’Agostino (38’st Ventura), Cisse, Rigo (9’pt De Battisti); Pavanati (38’st Valenti); Diao. A disp.: Ravasio, Dentale, Agbonifo, Doucoure, Minnocci, Trevisan, Fagoni. All.: Sammarco.
Arbitro: Mattia Drigo di Portogruaro (Lipari-Boggiani).
Reti: 18’pt Anghelè (J); 2’st Calabrese (V), 9’st Anghelè (J) su rigore, 12’st Diao (V), 14’st Nwanege (V).
Note: ammoniti Calabrese (V), Diao (V) e Savio (J). Recupero: pt 3’, st 5’.
 

Alessandro De Pietro

Suggerimenti