<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Le pagelle

Hellas: a Napoli brilla Montipò, con lui Coppola e Cabal. Tre le insufficienze

Cabal festeggia il compagno Coppola dopo il gol a Napoli
Cabal festeggia il compagno Coppola dopo il gol a Napoli
Cabal festeggia il compagno Coppola dopo il gol a Napoli
Cabal festeggia il compagno Coppola dopo il gol a Napoli

Le pagelle dei giocatori del Verona dopo la sconfitta per 2-1 a Napoli.

 

7 Montipò
Il portiere gialloblù tiene a galla l’Hellas contro le bordate di Kvara e compagni. Bravo anche ad uscire dai pali nel caos delle mischie che gli azzurri creavano su palla inattiva. Impossibile da parare il tiro vincente del georgiano.

5,5 Tchatchoua
Bravo e dinamico nel primo tempo. Si disunisce nella ripresa davanti a sua maestà Kvara. Deve avere più pazienza quando è chiamato a giocar palla nella metà campo offensiva. Da un suo liscio nasce l’azione che porta alle rete decisiva del georgiano.
6,5 Coppola
Si alterna con Dawidowicz su Simeone. Disputa una delle sua migliori gare in questo campionato. La sua prova viene condita con la prima rete nella massima serie. Che cosa chiedere all’altro Diego nello stadio intitolato a Maradona?

Leggi anche
L'Hellas deve continuare a mettere in campo questa voglia


6 Dawidowicz
Gli scappa solo in una circostanza l’ex compagno Simeone. Fortunatamente a metterci una pezza ci ha pensato Montipò. Sfiora la rete in tuffo di testa su palla inattiva. Sua la sfortunata deviazione sul tiro vincente di Ngonge
6,5 Cabal
Molto bravo su Politano e dopo un inizio un po’ titubante prende confidenza col terreno dell’ex San Paolo. Una risorsa importante per mister Baroni che può utilizzarlo pure in mezzo.
6,5 Serdar
Il tedesco è bravissimo per tutto l’arco della gara. Nel primo tempo con Duda ancora alla ricerca dell’accensione e lui il capo della trasmissione in mezzo. Argina Anguissa e compagni. Commette un sollo errore, dovuto alla stanchezza e per poco il Cholito non castiga Montipò.
6 Duda
Nei primi venti minuti di gioco vede la palla di sfuggita. Si ritrova nella fase centrale del match. Abile nel duettare con Suslov ma dovrebbe avere maggior continuità in tutto l’arco della partita. Molto bravo nei disimpegni.
6,5 Folorunsho
Non risparmia una goccia di sudore e prova a sorprendere Gollini in varie occasioni. Un’estrosa sforbiciata dal limite dell’area di rigore degli azzurri avrebbe meritato miglior sorte. Senza dubbio Folo ha fatto bella figura davanti a quello che l’anno prossimo potrebbe diventare il suo pubblico.
6,5 Suslov
Meno incisivo del solito soprattutto nella prima frazione di gioco. Cresce con i compagni ad inizio ripresa. Taglia col sinistro molto bene il pallone per la testa vincente di Coppola. Costringe Mario Rui alla resa.
5,5 Noslin
Condizionato da un piccolo problema muscolare, l’olandese non ha ripetuto la discreta prova fornita contro il Frosinone. Baroni è costretto a toglierlo a fa bene. Qualche tentativo di spunto ben controllato da Rrahmani.Deve cercare di più la profondità
5,5 Lazovic
Il grande Darko è irriconoscibile nel primo tempo. Nella ripresa sfiora la rete con un tiro da fuori e poi effettua un recupero di trenta metri. Lui sa che può e deve fare di più.
5,5 Swiderski
Il globetrotter polacco entra col piglio giusto ma poi si perde sovrastato da Juan Jesus. Su di lui un intervento dubbio di Di Lorenzo. Poteva essere il rigore del possibile 2 a 2.
S.V. Tavsan
Troppo poco in campo per avere un giudizio
S.V. Magnani
Vale la stessa cosa di Tavsan.
6 Dani Silva
Il portoghese ha un buon palleggio. Tornerà utile.
S.V. Vinagre

ha fisico e forza.

Leggi anche
«Nell'intervallo ho detto ai ragazzi di immaginare di essere sotto, per cambiare atteggiamento»


6 Baroni
A momenti gli vendono anche i componenti dello staff ma lui rimane imperturbabile. Fa giocare con coraggio il Verona nel secondo tempo. Avrebbe meritato di uscire imbattuto dal Maradona. Non commenta il contatto tra Di Lorenzo e Swiderski. Se salva l’Hellas è da dedicargli un monumento.

 

Gianluca Tavellin

Suggerimenti