Tudor dopo Venezia-Verona

«Nell'intervallo ho detto che potevano ribaltarla e sono uscito. I ragazzi si sono parlati ed ecco cos'è successo...»

Igor Tudor esulta a Venezia (Fotoexpress)
Igor Tudor esulta a Venezia (Fotoexpress)
VENEZIA-VERONA VISTA DAL CAMPO (FOTOEXPRESS)

Il tecnico del Verona Igor Tudor dopo l'incredibile rimonta di Venezia:

«Eravamo partiti benino, ma dopo il loro gol noi perdevamo tutte le seconde palle. Nel secondo tempo abbiamo accelerato e dominato e con il primo gol si è sbloccata la partita. 

Io nell'intervallo ci credevo. Ho detto ai ragazzi che potevano ribaltarla e sono uscito dallo spogliatoio. Loro sono ragazzi con le palle: si sono parlati e sono usciti con l'atteggiamento giusto.

Venezia è un campo difficile dove vincere: complimenti ai miei ragazzi, soprattutto a gente che ha giocato poco come Magnani, Lasagna e Bessa. Magnani se si mette come sta facendo ora è uno che può giocare contro tutti»

«La salvezza resta l'unico obiettivo, da me non sentirete altro. Dobbiamo prendere una lezione dal primo tempo e portarci dietro le cose positive. Simeone? Non posso parlare troppo bene di lui, sennò gli altri si ingelosiscono. Ma lui gioca bene anche quando non segna».

 

Leggi anche
Pazzesco Hellas, una rimonta epica! A Venezia sotto di tre gol la vince 4-3