Hellas, Benassi è in arrivo Scambio Stepinski-Favilli

Andrea Favilli in maglia azzurra nella finale per il terzo posto con l’Uruguay al Mondiale Under 20
Andrea Favilli in maglia azzurra nella finale per il terzo posto con l’Uruguay al Mondiale Under 20

Due albe, un tramonto. Poi dovrebbe maturare la decisione. Marco Benassi è sempre più vicino al Verona. Arriverà in prestito, salvo intoppi del mercato. Fiorentina ed Hellas si sono prese una brevissima pausa. Benassi è in uscita. Avrà modo, in queste ore, di parlare con Beppe Iachini. Pure di confrontarsi con la società Viola. Non si diranno addio. Il passaggio al Verona rappresenta, invece, una sorta di viaggio nella terra di mezzo. Alla ricerca di un ricongiungimento più avanti. Benassi arriverà all’Hellas in prestito. Troppo elevato il riscatto per essere esercitato. Perchè oggi la Fiorentina valuta il suo giocatore dieci milioni di euro. A casa di Juric, il centrocampista, arriva per trovare una dimensione tutta sua. Utile alla causa Hellas, per qualità e propensione. Giocatore di fioretto e di spada. Mezzo destro ma anche trequartista. Benassi può essere governatore ma anche giocatore di fantasia e pure di rottura. Il ds Tony D’Amico lo inseguiva da tempo. E ha usato la giusta pazienza. Ora, si contano le ore. E nel giro di poco dovrebbe arrivare l’annuncio. Tenendo conto di un altro aspetto di non poco conto: l’arrivo di Borja Valero a Firenze non può che favorire l’accelerazione della trattativa tra le parti. Benassi, classe ’94, nell’ultima stagione giocata con addosso la maglia viola, ha collezionato 22 presenze totali tra Coppa e campionato, condite da tre reti. SCAMBIO DI PUNTE. E nel pomeriggio di ieri ha preso corpo un’altra trattativa, stavolta sull’asse Verona-Genoa. I due club stanno definendo i dettagli dello scambi di punte. Mariusz Stepinski è destinato a finire in Liguria dove ritroverà il suo mentore Rolly Maran. A Verona sta per arrivare, invece, Andrea Favilli, giocatore che sembra piacere non poco a Juric. Stepinski, cinque anni di contratto con il club di Setti, non ha convinto fino in fondo. E nell’Hellas non è riuscito a trovare la sua collocazione. Spesso in panchina, spesso fuori dai giochi, il polacco ha regalato solo qualche lampo, finendo ai margini. Il Verona ha investito 5,5 milioni per acquisire l’intero cartellino dal Chievo. Ma il trasferimento al Genoa potrebbe rappresentare una sorta di addio anticipato. Il trasferimento in rossoblù potrebbe, infatti, portare ad un prestito biennale con obbligo di riscatto. Formula ancora in via di definizione. Favilli, invece, è giocatore tutto da scoprire. Pisano, classe 1997, l’attaccante di scuola Juve ha giocato per due stagioni tra i cadetti all’Ascoli, prima di trasferirsi nel 2018 al Genoa. La passata stagione con la maglia dei Grifoni, Favilli ha raccolto 20 presenze senza trovare mai la via del gol (per lui una sola rete in Coppa Italia contro il Torino). Punta centrale, 191 centimetri, fisicità accentuata e contratto in scadenza nel 2023 con il Genoa. Arriva in prestito con possibilità di restare.. Il valore di mercato è di quattro milioni. KUMBULLA PIÙ...VICINO. Strana storia quella di Marash Kumbulla. Lo voleva la Juve, lo seguiva il Man Utd, era già del Napoli. L’Inter lo ha blandito ma poi non si è fatta avanti. E adesso resta solo la Lazio. Con offerta che non stata ritenuta congrua dal Verona. Quindi? Kumbulla potrebbe restare all’Hellas anche la prossima stagione. Ipotesi, visto come stanno andando le cose, tutt’altro che da scartare. L’Inter, oggi, ha altre priorità: un centrocampista ed un esterno. Poi, semmai, il difensore. E Kumbu allora può restare. •

Simone Antolini