Nuovo assetto tecnico

Giorni decisivi per Marroccu, poi arriverà la conferma del mister

.
Francesco Marroccu, nuovo ds dell'Hellas
Francesco Marroccu, nuovo ds dell'Hellas
Francesco Marroccu, nuovo ds dell'Hellas
Francesco Marroccu, nuovo ds dell'Hellas

Dopo le ufficialità in uscita, è arrivato il momento di quelle in entrata. L’agenda di Maurizio Setti è particolarmente fitta in questo periodo perché c’è da rendere operativa la nuova spina dorsale dell’Hellas, quella che unisce società e squadra. Una «catena corta», come si è usato dire in queste ultime stagioni, che verrà rivoluzionata con gli arrivi ampiamente anticipati di Marroccu e Cioffi. Già le prossime ore potrebbero essere buone per annunciare il nuovo ds. A Brescia la situazione si è sbloccata. Cellino, dopo aver concesso dieci giorni di pausa riflessione al suo direttore, ha scelto la strada da imboccare per il futuro e, ancora una volta dovrebbe trattarsi di un ritorno all’antico. Giorgio Perinetti sarà nuovamente un dirigente delle rondinelle dopo l’esperienza da dt nel 2020-2021. L’esperto romano libererà, contestualmente, Marroccu che potrà mettere la firma sul biennale che Setti gli ha proposto da settimane. Questione di incastri e, poi, il primo tassello sarà sistemato con la scrivania di D’Amico affidata al cagliaritano.

La prima scelta è lui, anche perché le alternative sono praticamente impossibili da raggiungere. Accardi prolungherà il suo contratto con l’Empoli mentre Petrachi è in parola con più di un club di alto livello. Nella timeline del Verona, anche per una questione di gerarchie, la prima ufficialità sarà la sua.

A ruota, seguirà quella di Gabriele Cioffi. Il tecnico fiorentino è virtualmente l’allenatore del Verona da almeno due settimane. Nonostante le smentite e le cautele del presidente, dopo la separazione con l’Udinese, il mister è proiettato testa e corpo verso l’Hellas. Ad amici, che abitano in riva all’Adige, ha confidato già la settimana scorsa il desiderio di cercare casa qui nascondendo a fatica l’entusiasmo. Buon segno. Nonostante siano stati effettivamente presi in considerazione altri nomi, una vera e propria alternativa a Cioffi non c’è mai stata. Anche per lui è pronto un biennale, contratto che lo ha messo al riparo da quel no rifilato all’Udinese che tanto ha indispettito Marino ed i Pozzo. Le tempistiche dipendono dalla questione Marroccu ma, ormai, i tempi sono maturi e non è improbabile che nel giro di pochi giorni il Verona abbia ufficialmente un nuovo ds ed un nuovo mister. Solamente poi, scatterà davvero il calciomercato. Le dichiarazioni di Setti hanno già agitato a sufficienza le acque, ma le vere e proprie trattative dovrà condurle Marroccu. In uscita, ovviamente, ma anche in entrata. I gioielli gialloblu sono ambiti ed il presidente li sta esibendo in vetrina alla ricerca di fondi che possano permettergli ancora una volta di autofinanziare il club senza dover immettere liquidità. Intanto, un’ufficialità in entrata è già arrivata. Dino Guerrini è il nuovo Responsabile della Comunicazione del Verona.

Davide Cailotto