<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Dopo Cagliari-Verona

Hellas, i commenti corrono sui social: «Bella battaglia, un punto importante»

Da Folorunsho a Bonazzoli, i giocatori affidano a internet l'analisi della partita
Federico Bonazzoli (Instagram)
Federico Bonazzoli (Instagram)
Federico Bonazzoli (Instagram)
Federico Bonazzoli (Instagram)

«Una battaglia, combattuta con tutti i mezzi a nostra disposizione: grinta, coraggio e mentalità. Un punto importante nel nostro cammino»: il post su Instagram di Michael Folorunsho la dice lunga su come l’Hellas abbia accolto il pareggio della Unipol Domus. Una battaglia, per dirla col centrocampista gialloblù. Soprattutto per lui che ha dovuto vedersela con la marcatura del colombiano Mina, il quale non ha certo lesinato colpo proibito, soprattutto nei duelli corpo a corpo. Poi, un girovagare a destra e sinistra per cercare spazi e lottare su tutti i palloni.

Ma Folorunsho non è l’unico a riconoscere l’importanza dell’1-1 di Cagliari. «Prendiamo un punto e lavoriamo per vincere la prossima», commenta Pawel Dawidowicz a proposito della gara di Pasquetta. Il suo sguardo è già alla sfida col Genoa, prossimo importantissimo step. Per il polacco un tour de force dopo gli oltre 300’ complessivi giocati tra i recenti impegni con la sua Nazionale e la gara con l’Hellas. Lui, però, non molla mai. Anche a Cagliari è rimasto in campo fino alla fine, nonostante un duro colpo subito da Lapadula nella ripresa.

Soddisfazioni pure per Bonazzoli e Magnani. Sempre via social, il ritrovato bomber del Verona festeggia col disegno di una pistola giocattolo, a mimare il gesto della sua esultanza. Il «pistolero», tornato a colpire dopo sette mesi di astinenza, è stato inserito dal sito specializzato whoscored.com nella top 11 dell’ultima di A assieme a Magnani. Per loro media voto elevatissima: 7,79 l’attaccante, 7,64 il difensore. Felice anche Cabal, nonostante l’errore che ha portato al pari di Sulemana. Quel «Dai» pubblicato sui suoi profili accanto al disegno delle spade incrociate sta ad indicare che la battaglia per la salvezza è entrata nel vivo e ci sarà da lottare ancora. 

Davide Cailotto

Suggerimenti