Bocchetti subito in ansia Arriva un super Bologna

Il Verona ha bisogno della classica partita perfetta, unica condizione per imbavagliare il sontuoso Bologna di questi tempi. Errori al minimo, marce alte il più possibile, attenzione massima. All’antistadio «Guido Tavellin» (inizio alle 16.30) nel suo debutto in casa l’Hellas avrà davanti chi nelle prime due ha steso l’Inter e poi la Roma, le finaliste della scorsa annata di Primavera 1, ora con rose sì diverse ma con ambizioni naturalmente intatte. Solido il Bologna, stretto attorno al talento quasi fuori concorso per la categoria del finlandese Pyythia e con parecchie frecce appuntite pure davanti fra il connazionale Paananen e il marocchino Mmaee preso dallo Standard Liegi. Da gennaio il Bologna ha svoltato, con un girone di ritorno da big dopo un avvio pieno di stenti grazie ad un gran mercato e ad un’onda lunga che non accenna a placarsi anche grazie al sensibile contributo Per l’Hellas, un punto in due giornate e la sconfitta di Sassuolo ancora parecchio fresca, la verifica è severissima. L’avversario peggiore che il Verona potesse incrociare, ma anche una bella occasione per andare oltre i propri limiti. «Sarebbe bello centrare la prima vittoria proprio davanti al nostro pubblico. Ce la metteremo tutta, pur consapevoli delle qualità del Bologna che per me lotterà fino alla fine per le posizioni di vertice», lo scenario di Bocchetti, nel bel mezzo di una settimana senza respiro, con l’Inter all’orizzonte già sabato. «Ci sarà bisogno di tutti», chiude Bocchetti, «con tante partite davanti dovremo attingere ad ogni risorsa. Ai ragazzi ho detto che ogni allenamento sarà buono per darmi indicazioni».•. A.D.P.