Barak si veste di...Viola In ballo con Hien e Kallon

Yayah Kallon  è sempre più vicino al Verona, però il suo arrivo in quel ruolo potrebbe non bastareAntonin Barak In due stagioni al Verona ha segnato 18 retiFOTOEXPRESS
Yayah Kallon è sempre più vicino al Verona, però il suo arrivo in quel ruolo potrebbe non bastareAntonin Barak In due stagioni al Verona ha segnato 18 retiFOTOEXPRESS
Yayah Kallon  è sempre più vicino al Verona, però il suo arrivo in quel ruolo potrebbe non bastareAntonin Barak In due stagioni al Verona ha segnato 18 retiFOTOEXPRESS
Yayah Kallon è sempre più vicino al Verona, però il suo arrivo in quel ruolo potrebbe non bastareAntonin Barak In due stagioni al Verona ha segnato 18 retiFOTOEXPRESS

Quanto vale un punto? Tutto. La risposta avuta a Bologna ha galvanizzato l’intero ambiente gialloblù. Cioffi è più sereno ma soprattutto lo sono i calciatori. Mai dare alibi ad uno sportivo, se si tratta dei «pallonari» la cosa è ancor più marcata. Ecco che Hongla è al centro del progetto, Tameze è tornato a sorridere e anche l’addio di Antonin Barak, annunciato da tempo, passerà quasi in sordina. Ma ci sono i fatti da raccontare: l’angelo biondo è pronto a vestirsi di...Viola. Tra Verona e Fiorentina è stato trovato un accordo di massima per la cessione: dieci milioni di euro. Si parte con un prestito con diritto di riscatto. L’obbligo scatterà solo al verificarsi di determinate condizioni. Caccia grossa POi, però, si lavora in entrata. E oggi è giornata calda. Isak Hien dev’essere davvero bravo. Su di lui sono piombati un po’ tutti. Torino, Udinese e Cremonese. L’Hellas sul difensore svedese però, si è mossa molto bene. La società avrebbe chiesto, visto pure il successo dell’andata per 3 a 0, al Djurgardens, di non schierarlo nel ritorno di ieri di Conference League. Oggi potrebbe esserci il definitivo incontro coi gialloblù che offrono 4 anni di contratto ed un indenizzo di 3,7 milioni di euro al club. Voglia di giocare Colpisce, intanto, lo straordinario entusiasmo mostrato da Juan David Cabal. Il 21enne difensore colombiano tornerà in nottata dopo il 3 viaggio intercontinentale in appena 5 giorni scarsi. Ha tutte le carte, visto compreso, per essere tesserato in tempo e magari andare in panchina nel match di domenica con l’Atalanta. Rapido nonostante un imponente struttura fisica, Cabal (1,86 cm) aveva già molte richieste in Europa ma si trasferito all’Hellas per una cifra intorno ai 4 milioni più bonus, erogata all’Atletico Nacional. La difesa potrebbe diventare adesso, da pietra dello scandalo, a punto di forza della squadra. Gunter rinnova? È incredibile come un punto o vedere le cose dall’interno possano cambiare radicalmente le situazioni. Koray Gunter, contratto in scadenza a giugno del 2023, è stato tra i meno positivi del Verona nelle prime uscite stagionali, anzi diciamo responsabile di qualche dormita di troppo. Però a molti sfuggono le letture che danno i tecnici ai vari giocatori. Gunter è un ottimo difensore con doti tecniche e fisiche. Se ha fatto il titolare con Juric, Tudor e ora Cioffi, qualche motivo ci sarà. D’accordo ha sempre il liscio decisivo in canna però tanti difensori che giocavano accanto a lui, hanno raggiunto club impensabili. Rrahmani (Napoli), Kumbulla (Roma) e Casale (Lazio). Il saper impostare oltre che difendere non è agevole per nessuno. Nello spogliatoio di Bologna si respirava decisamente un’altra aria dopo la prestazione che è coincisa col primo punto. Ecco perchè dopo il Primo di settembre Gunter potrebbe prolungare col Verona e non sarà l’unico, fidatevi. Resistere, resistere L’infortunio grave di Wijnaldum per la Roma e la mancanza di un centrocampista per il Milan, avrebbero già proiettato gli emissari dei due club verso l’agente di Adrien Tameze. Per l’Hellas è davvero un elemento insostituibile. Tra l’altro da un punto di vista economico il Verona non avrebbe grosse esigenze di realizzare ancora. Pronto infatti un piano per prolungare i contratti dei senatori o dei calciatori con soli due anni alle varie scadenze. Barak e Kallon L’addio di Barak non libera mentalmente l’Hellas solo su Kallon. Con la partenza del ceco, il diesse Marroccu vorrebbe avere la possibilità di ingaggiare, oltre al genoano, una mezz’ala più esperta per cautelarsi in un settore del campo che vive di equilibri delicatissimi. E anche oggi si balla.•.

Gianluca Tavellin