La sentenza

Il Tar del Lazio respinge il ricorso del Chievo: «Valide le scadenze della Federcalcio»

.
Chievo, lo sconforto del presidente Campedelli
Chievo, lo sconforto del presidente Campedelli
Chievo, lo sconforto del presidente Campedelli
Chievo, lo sconforto del presidente Campedelli

La collegiale del Tar del Lazio ha respinto il ricorso del Chievo che chiedeva l’ammissione alla Serie B da ventunesima squadra dopo la bocciatura di Figc e Coni.

Il Tar ha fatto valere la perentorietà delle scadenze della Federcalcio, quella del 28 giugno come termine ultimo per presentare l’iscrizione, quando il Chievo «non risultava né avere assolto agli obblighi fiscali maturati dal periodo di imposta 2014 al 2018, né avere depositato atti di transazione e/o rateazione del debito». Giudicato conforme inoltre alle regole delle licenze nazionali della Figc la decisione del Collegio di Garanzia del Coni al precedente grado di giudizio. 

 

Leggi anche
Chievo, le motivazioni del «no» del Tar e l'ultima speranza. E intanto compaiono i «necrologi»

 

Alessandro De Pietro

Suggerimenti