Chievo, è l’ora dei sacrifici. Semper o Vignato, chi va?

Adrian Semper uomo mercato: il Chievo sta valutando la sua cessioneMolti club si stanno interessando al giovane Samuele Vignato
Adrian Semper uomo mercato: il Chievo sta valutando la sua cessioneMolti club si stanno interessando al giovane Samuele Vignato

Dei due uno. Semper o Vignato. Una cessione necessaria ed una conferma eccellente. Sacrifici sì, ma lo stretto necessario. E la convinzione, al tirar delle somme, di riuscire a restare nelle zone medio-alte della B. Mettere la strada in discesa verso l’iscrizione di fine giugno è il primo ostacolo, poi però si potrà costruire. E provare a conservare un posto nella zona di sinistra della classifica. Vendere Semper vorrebbe dire tenersi automaticamente Vignato, diciassette anni di talento finissimo che fa gola a tutta Italia ma anche troppo giovane per avere una collocazione certa se non un’altissima Primavera. L’ultima a mettersi in fila è stata il Milan, sempre attento al prodotto italiano. Un contatto reale il Chievo l’ha invece avuto con la Roma, classica chiacchierata preliminare in cui poi s’è finito a parlare del 2004 in questo momento più in vista in Italia. Capocannoniere in Primavera ma con l’età per giocare ancora negli Allievi. Vignato piace alla Roma, ma le condizioni giuste ancora non ci sono. E non è neanche così scontato che dopo il primo sondaggio ci sarà anche un seguito. Quattro in corsa. Diverso il fermento attorno a Semper, perché sta per iniziare un vorticoso giro di portieri in cui lui sarà uno dei profili in copertina ma anche per la buona prestazione di lunedì contro la Spagna con la sua Croazia all’Europeo Under 21. Il Genoa s’è rifatto sotto, defilato all’inizio ma non ora. Pronto a rispolverare un amore mai spento, un anno fa arrivato ad un centimetro dalla firma quando solo scadenze di bilancio consigliarono al Chievo di temporeggiare fino a bloccare gli ultimissimi passi. Quando Semper era già diretto verso Marassi. Ha riaperto il file adesso il Genoa, pronto ad accelerare per distanziare ad esempio il Monza a cui serve un numero uno di livello da proporre con disinvoltura eventualmente anche in Serie A. Più farraginosa l’ipotesi legata al Parma, altra serissima pretendente alla promozione che adesso sta però seguendo Provedel a lungo al Chievo che alle soglie dell’ingresso in prima squadra lo spedì ad Empoli nel pacchetto per arrivare a Pucciarelli ed ora con una grande salvezza con lo Spezia in tasca. Ai margini adesso il Parma, sempre in prima fila invece l’Udinese che potrebbe prendere Semper anche prima di cedere Musso, trattativa parecchio laboriosa. Ultimo scatto. Meglio privarsi di Semper che di Vignato. Giocatore ormai definito uno, ancora in embrione l’altro. La partenza di Semper di sicuro farebbe mettere radici al Chievo ancor più profonde a Vignato, per il quale non è poi tanto distante dalla realtà una valutazione futura ben oltre i dieci milioni se i suoi progressi proseguiranno alla velocità degli ultimi anni. Il piano c’è già, quello di fargli saltare la Primavera e catapultarlo direttamente in Serie B con un ruolo non di primissima scelta ma nemmeno di contorno. A favore di Vignato gioca pure la sua versatilità, impiegabile in molte zone dell’attacco e per di più con la personalità giusta per salire al piano di sopra senza mostrare debolezze davanti ai grandi. Come fece anche nel giorno del suo debutto in B con la Cremonese, puntando ogni avversario che gli si presentò davanti. Nel frattempo il Milan continua a restare vigile, la Roma anche così come il Bologna che sarebbe parecchio felice di aggiungere Samuele al fratello Emanuel. Altre piste. Il resto del mercato è limitato a qualche telefonata perlustrativa, ma nulla più. Semplici ipotesi non ancora diventate vie davvero percorribili. Il Pisa ha chiesto notizie di Leverbe, contatto che però non è ancora diventato reale trattativa. Troppo presto, se ne riparlerà più avanti. Gli Europei come sempre, al di là delle difficoltà economiche di molti, allungheranno ancor di più i tempi di mercato. Vetrina troppo importante per essere scavalcata, anche per il Chievo che nel suo piccolo angolo continentale metterà in mostra Vaisanen con la sua Finlandia. Meglio quindi aggiornarsi più avanti. Due parole il Chievo le ha scambiate intanto con la Salernitana per Gigi Canotto, le cui doti di rapidità attraggono parecchio Fabrizio Castori così come la Reggina di Alfredo Aglietti che però adesso certo non può mettersi di partecipare ad alcuna asta. •.

Alessandro De Pietro

Suggerimenti