Serie D

Il Legnago ritrova gli attaccanti per il derby col Caldiero

Daniele Rocco del Legnago
Daniele Rocco del Legnago
Daniele Rocco del Legnago
Daniele Rocco del Legnago

Le due vittorie di fila con Dolomiti Bellunesi e Mestre hanno risollevato morale e classifica del Legnago, domani (domenica 20 novembre) nel derby col Caldiero davanti ad una partita densa di significati. Anche per il faccia a faccia fra Massimo Donati e Fabrizio Cacciatore, compagni nel primo Hellas di Serie A con Mandorlini, quello di Toni, Jorginho, Iturbe e dei 54 punti da matricola. «È un amico prima di tutto Fabrizio. Gli auguro il meglio possibile per il suo percorso, ma ovviamente da lunedì. Sta dimostrando di essere un buon allenatore, visti i risultati che sta ottenendo», il primo quadro di Donati, quasi certamente ancora col 4-2-3-1 con Rocco primo riferimento offensivo anche se a disposizione torna Cognigni dopo tre giornate di squalifica dopo l’espulsione col Campodarsego e fra i convocati potrebbe esserci posto anche per Kouassi, tuttavia senza i novanta minuti nelle gambe.

«Il Caldiero - l’avvertimento di Donati - sarà arrabbiato per aver perso domenica, di sicuro sarà una partita molto complicata. Il Caldiero è davvero una buona squadra, con giocatori di livello assoluto per la categoria. Noi stiamo bene, in settimana abbiamo contenuto ad allenarci e a spingere forte. Dobbiamo cercare di migliorare sempre di più. Nessuno deve mai accontentarsi».

Alessandro De Pietro