Serie D

Caldiero, partenze e arrivi: c'è il colpo Miloradovic

Stefan Miloradovic del Virtus Cornedo
Stefan Miloradovic del Virtus Cornedo
Stefan Miloradovic del Virtus Cornedo
Stefan Miloradovic del Virtus Cornedo

Prende forma il Caldiero della prossima stagione. Un mercato, quello d'avvio, segnato da un paio di partenze e altrettanti arrivi. La notizia più importante è che è tornato il sereno nei rapporti tra il presidente Filippo Berti e il direttore sportivo Fabio Brutti.

Quest'ultimo non rinnoverà il contratto in scadenza il prossimo 1 luglio ma continuerà il legame con il Caldiero in qualità di consulente affiancando il nuovo diesse, il giovane Giacomo Cordioli proveniente dall'Atletico Cerea. Sul fronte giocatori lascia Caldiero l'attaccante Lorenzo Moscatelli. Il ragazzo di Ala si è accasato all'Este. Moscatelli nella stagione con i termali ha collezionato 29 presenze e realizzato sei reti. Partenza sprint poi tante pause e un finale certamente non trascendentale hanno fatto sì che la dirigenza del Caldiero non riponesse più totale fiducia nell'attaccante trentino. Altra separazione importante quella con il centrocampista Marco Burato. Sofferta perché il ragazzo della val d'Illasi è stato uno degli elementi più importanti, a livello caratteriale, del gruppo Caldiero. Anche per Burato una stagione con tante ombre, complice il poco minutaggio. Burato rientra più nei piani del Caldiero, una decisione non facile verso un ragazzo ben voluto da tutto l'ambiente. C'è chi parte e c'è chi arriva. Due i colpi messi a segno dai termali.

Dal Settimo Pescantina di Eccellenza ecco Nicolò Boni. Classe 1999, cresciuto nel Chievo, Boni è un esterno destro in grado di giocare a tutta fascia. Otto le reti realizzate nello scorso campionato, record in carriera per il neo acquisto del Caldiero. Ben 16, invece, i centri di Stefan Miloradovic lo scorso anno con il Cornedo sempre in Eccellenza. Nato ad Arzignano, classe 1996 Miloradovic è una prima punta atipica. Ama attaccare gli spazi e nonostante l'altezza, sopra il metro e 90, non è male nemmeno palla a terra e negli spazi stretti. Per il resto tanti rinnovi. Il giovane Aldegheri in porta, Rossi, Baldani, Braga in difesa, Cherubin, Filiciotto e Boldini a centrocampo, Manarin e, ovviamente, capitan Zerbato in attacco.

Sandro Benedetti