<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Il numero uno del Peschiera

Il portiere segna da 90 metri: «Quasi non ci credevo»

Da un rinvio ha fatto gol contro il Cadidavid. «Quando l'arbitro l'ha convalidato, quasi non ci credevo»
Daniel Bottona, portiere del Peschiera
Daniel Bottona, portiere del Peschiera
Daniel Bottona, portiere del Peschiera
Daniel Bottona, portiere del Peschiera

Una prodezza da urlo per un portiere. Domenica scorsa il numero uno del Peschiera, il trentenne Daniel Bottona, quando mancavano cinque minuti alla fine della gara interna di campionato contro il Cadidavid (la sua squadra stava vincendo per tre a due) su rinvio da novanta metri con un lancio lunghissimo ha infilato il portiere avversario Fanini, firmando il quarto gol per la compagine del presidente Umberto Chincarini, che ha vinto per quattro a due la sfida.

«Quando ho visto l'arbitro che convalidava il gol, sono rimasto stupito, quasi quasi non ci credevo - afferma felice il magazziniere Daniel Bottona - il primo gol della mia "vita" da portiere. Poi i miei compagni sono corsi ad abbracciarmi, una roba da pelle d'oca. Dedico questo gol a tutta la società, nessuno escluso, che con sacrificio e passione porta avanti il calcio a Peschiera e a mia madre Elena che mi guarda dal cielo e alla mia compagna Giada e a mia figlio Edoardo, che mi sopportano. Lo spogliatoio di squadra di quest' anno è forte e coeso. Siamo un gruppo di amici fuori e dentro il campo. Ben guidati da mister Lucio Marconi che sa il fatto suo. Il nostro obiettivo è quello di una salvezza tranquilla, in un girone tosto e difficile come quello A di Prima categoria. Fornendo ottime prestazioni e regalando nuove soddisfazioni ai nostri tifosi».

Qual è il portiere tra i professionisti che ammira di più? «Da bambino» chiude Bottona, «ho amato il Iker Casillas per il suo tempismo e sicurezza tra i pali. Nel calcio attuale mi piace sempre di più il brasiliano Becker Allisson del Liverpool, bravo tra i pali e nei disimpegni fuori dalla porta. Il ruolo sta cambiando. Devi essere molto bravo con i piedi. Dote tecnica che con umiltà e dedizione sto curando. Per dare una mano sempre di più ai miei compagni». 

Roberto Pintore

Suggerimenti