CHE SHOW

Belfiorese, notte magica. Il Pescantina s’arrende

Gugole rompe il ghiaccio, Baltieri trascina e firma il meraviglioso bis
Allenatori contro Gianni Orfei e Roberto Piuzzi
Allenatori contro Gianni Orfei e Roberto Piuzzi
Allenatori contro Gianni Orfei e Roberto Piuzzi
Allenatori contro Gianni Orfei e Roberto Piuzzi

Gara dominata dalla Belfiorese per 70’, rotonda vittoria e risultato che poteva anche essere più largo. I padroni di casa hanno concesso agli ospiti solo il primo quarto d’ora e i cinque minuti alla fine del primo tempo. Il pubblico si è divertito a vedere una delle più belle prestazioni di sempre di capitan Baltieri, da 9 in pagella, autore di una rete capolavoro da rivedere e rivedere più volte. Otto e mezzo per l’insuperabile Tebaldi e sette pieno per Gugole, Turrini, Aldegheri, Andreis, Leoni e Nizzetto con tutti gli altri comunque ben oltre la sufficienza. Nel Pescantina si sono distinti nel primo tempo Plamadeala (7,5) mentre nel secondo il migliore è stato Cailotto, da 6,5 in pagella. Partono forte i ragazzi di mister Orfei: discesa sulla fascia sinistra al 3’ di Plamadeala e cross al centro deviato dalla difesa. Il Pescantina chiede un tocco di mano che non c’è: l’arbitro vede bene. Tiro ben scagliato alla base del palo al 7’ da Plamadeala e Tebaldi fa un gran tuffo per respingere. Poi la Belfiorese poco per volta, prende le misure agli avversari e li fa arretrare. Al 29’ Baltieri calcia una punizione dal vertice destro dell’area e Gugole di testa devia in rete. È il 36’ quando El Qorichy si fa di corsa tutto il campo, da area ad area, arriva davanti alla porta, ma non ha più il fiato per la conclusione e viene anticipato da Andreis. Due minuti più tardi Cailotto prova un staffilata da venti metri che Tebaldi respinge, ma non trattiene tanta è la forza impressa alla palla. Il Pescantina ci prova al 41’: combinano in area Plamadeala e Schults, assist a Vicentini che calibra un bel tiro teso sopra la traversa. Al 46’ punizione centrale da 18 metri di Baltieri che si traveste da Platini: la palla trova un varco nella barriera ospite e si infila nel sette per il due a zero. Imprendibile. Pennacchio al 10’ della ripresa scaglia una punizione rasoterra insidiosa ma deviata in angolo. Gugole alla mezzora si mangia un gol facile: Ferro è lesto nell’anticipare l’ala biancoazzurra. Al 37’ la Belfiorese si mangia per due volte di fila il tris: prima è Camparmò, lanciato a rete, a finire a tu per tu col portiere senza trovare il varco giusto; poi è Balde a riprendere sotto rete, senza però arrivare alla deviazione di testa per questione davvero di centimetri. •.

Zeno Martini