WithU, serve il turbo Padova è pericolosa Sarà una battaglia

Rok Mozic contende palla a rete nel match con Monza FOTOEXPRESS EDOARDOSalti di gioia WithU Verona dopo il successo su Monza FOTOEXPRESS ZATTARINUn attacco di Aleks Grozdanov FOTOEXPRESS ZATTARIN
Rok Mozic contende palla a rete nel match con Monza FOTOEXPRESS EDOARDOSalti di gioia WithU Verona dopo il successo su Monza FOTOEXPRESS ZATTARINUn attacco di Aleks Grozdanov FOTOEXPRESS ZATTARIN
Rok Mozic contende palla a rete nel match con Monza FOTOEXPRESS EDOARDOSalti di gioia WithU Verona dopo il successo su Monza FOTOEXPRESS ZATTARINUn attacco di Aleks Grozdanov FOTOEXPRESS ZATTARIN
Rok Mozic contende palla a rete nel match con Monza FOTOEXPRESS EDOARDOSalti di gioia WithU Verona dopo il successo su Monza FOTOEXPRESS ZATTARINUn attacco di Aleks Grozdanov FOTOEXPRESS ZATTARIN

La sfida con Padova, nel posticipo di questa sera alle 19.30, per Verona rappresenta un altro snodo importante di questo girone di andata, che per i gialloblù, dopo la gara di oggi, si concluderà a Cisterna il 10 dicembre. Prima WithU dovrà affrontare anche Modena, al PalaPanini, e Siena in casa. La squadra di Rado Stoytchev con i suoi 11 punti vuole restare nelle zone alte della classifica e da qui al giro di boa dovrà necessariamente arricchire il bottino per rientrare nelle prime otto e giocare così la Coppa Italia, competizione dalla quale manca da tre campionati (l’ultima partecipazione nella stagione 2018/2019) e che quest’anno vuole assolutamente fare. Ma la qualificazione passa anche dal risultato del derby veneto. Dove il risultato non è per nulla scontato, considerato che Padova è una squadra giovane, energica e combattiva. E che comunque, dopo aver battuto sia Civitanova sia Modena, ha dato filo da torcere a tutti. Per questo la sfida di stasera è davvero importante. Verona vincendo darebbe continuità al suo percorso, si aggiudicherebbe il terzo scontro diretto dopo quelli stravinti contro Milano e Monza (senza dimenticare ovviamente che ha battuto pure due corazzate come Piacenza e Trento) e acquisterebbe sempre maggiore fiducia nei propri mezzi. Fondamentale prima di andare a sfidare Modena in trasferta. Per adesso, l’unico passo falso, Verona lo ha fatto in casa con Taranto perdendo al tie break. E proprio il match contro i pugliesi dovrà servire da monito: Padova è una squadra da prendere con le pinze, e, come ha detto Stoytchev, non ha paura ad osare nei momenti caldi. Verona, come ha fatto contro Milano e Monza, dovrà aggredirla al servizio e fiaccarla in attacco e contrattacco. Ma, ovviamente, dovrà reggere in ricezione, il fondamentale che ha tradito i gialloblù proprio contro Taranto, in particolare subendo la battuta di Falaschi. E quella di Saitta, l’esperto regista di Padova, bisogna dire, è molto simile. Per cui servirà attenzione, soprattutto a Keita, che sarà bersagliato dal servizio anche per disturbarlo nell’eventuale contrattacco. «Nell'ultimo mese ho visto una crescita mentale, di concentrazione e di conoscenza delle diverse situazioni che stiamo sviluppando», ha assicurato il coach. Che considera questo incontro uno step importante per la crescita della sua squadra. «Per noi è una sfida molto importante e l’abbiamo preparata bene. Dobbiamo concentrarci sui fondamentali. Se la gara darà i suoi frutti significa che stiamo andando nella direzione giusta». E la direzione è quella, come ha avuto modo di ricordare, di avere nel giro di due anni una formazione di altissimo livello.•.

Marzio Perbellini